Disturbi del sonno a causa del coronavirus? Come rimediare

Avvertite disturbi del sonno a causa del covid perché siete stressati e irrequieti? Nessun problema abbiamo la soluzione 

Dormire
Dormire (Pixabay)

La situazione pandemica ha messo a dura prova lo stress e la serenità di tutti quanti. Sempre più persone scelgono di affidarsi a psicologi per combattere le problematiche insorte a causa del covid. Un’altro problema che affligge le persone è il sonno, molti lo hanno perso in quest’ultimo anno e mezzo. I pensieri e le preoccupazioni non consentono di riposare in serenità. Questo incide poi su una serie di altri fattori, perché il riposo è fondamentale. Vediamo allora qualche rimedio per tornare a dormire bene.

Come curare i disturbi del sonno causati dalla pandemia

Metodi per dormire
Metodi per dormire (Pixabay)

Alcuni ricercatori stanno studiando i disturbi del sonno causati dal covid, ormai urge sempre più il bisogno di tornare a riposare bene. La situazione di questo ultimo anno e mezzo ha inciso molto sulla serenità e lo stress delle persone, molti non riescono più a dormire a causa delle preoccupazioni che la pandemia ha portato.

Riposare poco ha effetti negativi sula saluta sia fisica che emotiva. Occorre pertanto capire come riuscire a concedersi del riposo. Vediamo allora qualche metodo utile alla causa. L’isolamento sociale e quindi a solitudine, è un problema. Non avere contatti fisici è una mancanza importante che non aiuta affatto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Allarme per i negozi di lusso: il fenomeno dei furti in stile flash mob

Avere accanto qualcuno da gioia e molto conforto e di conseguenza aiuta a riposare meglio. La mancanza di questo causa una diminuzione della quantità e qualità del sonno. L’isolamento sociale anche in fatto di amicizie può incidere, sapere di avere persone che provano affetto per te, aiuta ad essere più sereni. Pertanto è fondamentale ritagliarsi del tempo per stare insieme alle persone che amiamo, basta anche solo una passeggiata o una cena tranquilla sia con amici che con il proprio partner.

Anche stando a casa da soli si può interagire grazie ai social di oggi, sono infiniti i modi virtuali di connettersi ad altre persone anche in modo costante. Si può trovare conforto e comprensione in queste relazioni. Esistono anche dei gruppi online creati apposta per questo periodo difficile, aiutano a ridurre la tensione emotiva. Si può trarre conforto e piacere anche nell’aiutare il prossimo facendo volontariato anche in modo virtuale. Il cambio routine dovuto alla pandemia ha avuto sicuramente effetti negativi sul ciclo del sonno e su altre funzioni come l’appetito, il sistema immunitario e il metabolismo.

Dal sonno dipendono molti altri fattori, è una parte essenziale della salute fisica e mentale. Gli orari a causa del covid sono stati cambiati molto. Le persone passano più tempo a casa senza orari fissi e anche questo contribuisce a mandare il corpo in confusione. Tutte le abitudini alimentati e fisiche sono cambiate. Per questo motivo è indispensabile cercare di ritrovare una propria routine che si allinei ai nostri bisogni e nuovi ritmi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Arisa senza freni. Lo fa davanti a tutti, la FOTO scalda gli animi e non solo…”Sai cosa ti farei? Ti riempirei di…”

Tutti noi funzioniamo in base al ritmo circadiano che è un ritmo fisiologico caratterizzato dalle 24 ore della giornata. Se questo viene sballato a causa dei ritmi e routine che sono cambiate, può avere conseguenze sul sonno, umore ed energia. Causando a lungo termine problemi come l’obesità oppure malattie cardiovascolari e disturbi del metabolismo. Per risolvere il problema bisogna sincronizzare gli orari in base al cronotipo, se si è più energici al mattino è meglio riposare di più la sera.

Rimedi dormire
Rimedi fai da te(Pixabay)

Un altro consiglio per ritrovare il proprio equilibrio, è di utilizzare meno i telefoni a letto e andare a dormire prima. Dopo la pandemia in molti hanno iniziato a soffrire di ansia e depressione e questo ha effetti anche sul sonno. In questo caso è importante riconoscere il problema e parlarne. Cercare supporto non è una cosa di cui vergognarsi. Esistono molti servizi virtuali e non.