Calciatore e allenatore trovato morto in casa: disposta l’autopsia

Un calciatore e allenatore di 35 anni è stato trovato morto nella sua abitazione di Pieve Modolena, frazione di Reggio Emilia. Disposta l’autopsia.

Calcio
(Lorenzo Cafaro – Pixabay)

Lutto a Pieve Modolena, frazione di Reggio Emilia, dove nella mattina di martedì un ragazzo di 35 anni è stato trovato morto all’interno della sua abitazione. A far scattare l’allarme alcuni amici e la sorella, preoccupati per le mancate risposte del 35enne. Quando i soccorsi si sono recati presso l’appartamento, per il ragazzo non c’era più nulla da fare. Ancora da chiarire le cause della morte del 35enne, allenatore e calciatore molto conosciuto in provincia.

Reggio Emilia, calciatore e allenatore di 35 anni trovato morto in casa: disposta l’autopsia

Calcio
(Getty Images)

Nella mattinata di lunedì 29 novembre un ragazzo è stato ritrovato morto nella sua abitazione di Pieve Modolena, frazione del comune di Reggio Emilia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Incidente frontale tra auto e furgone: morta una donna, grave il marito

A perdere la vita Daniele Sansone, 35enne che lavorava come barista e grande appassionato di calcio. Sansone, scrive la redazione de Il Resto del Carlino, militava nelle fila della Tecnocasa Cibeno, società di calcio a 5 iscritta al campionato di Serie B, ed era allenatore di tre squadre giovanili di calcio a 11 della Virtus Mandrio di Correggio. In passato, inoltre, aveva giocato nei settori giovanili del Catanzaro, a Padova ed in alcune formazioni toscane.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Dramma alla stazione della metropolitana: ragazzo muore travolto da un treno

Non sono ancora chiare le cause che hanno provocato la morte del 35enne, circostanza su cui sono in corso le indagini. Inizialmente, scrive Il Resto del Carlino, si era ipotizzato un possibile arresto cardiaco, ma gli inquirenti stanno anche valutando un infortunio che il 35enne avrebbe riportato nel corso di un allenamento con la sua squadra di calcio a 5. Il ragazzo era stato trasportato per un trauma cranico in ospedale, dove gli erano stati applicati dei punti di sutura prima di essere dimesso. A fornire maggiori dettagli potrebbe essere l’esame autoptico sulla salma che è stato stabilito dall’autorità giudiziaria.


La morte di Sansone ha gettato nello sconforto l’intera comunità locale e tutta la provincia di Reggio Emilia, dove era molto conosciuto. Tanti, innumerevoli i messaggi di cordoglio per la famiglia. Tra questi anche quello della Virtus Mandrio che ha pubblicato un commovente post sulla propria pagina Facebook e quello della Lnd (Lega Nazionale Dilettanti) emiliana.