“GF Vip” omofobia nella casa contro un concorrente: il web chiede la squalifica

Biagio D’Anelli è uno dei nuovi concorrenti di questa lunghissima edizione del GF Vip. Appena entrato, è stato vittima di una frase detta da Katia Ricciarelli

Katia Ricciarelli
Katia Ricciarelli (foto dal web)

Non ci sono dubbi sul fatto che Katia Ricciarelli sia una delle concorrenti preferite del GF Vip di Alfonso Signorini. Nonostante questo, i telespettatori hanno notato più volte degli atteggiamenti che potrebbero essere definiti omofobi da parte della cantante lirica. La prima volta, è stato quando Giucas Casella ha dichiarato di essere stato con un uomo quando era molto giovane. Il pubblico notò subito la strana reazione della Ricciarelli al suo racconto. L’ultima invece è accaduta proprio in questi giorni con un nuovo concorrente.

GF Vip, Katia Ricciarelli: “Ma Biagio è normale o è gay?”

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Fedez e la confessione a sorpresa su “Amici”: “Forse non potevo dirlo…”

In vista del prolungamento, Alfonso Signorini ha fatto entrare (e continuerà a far entrare ancora) nuovi concorrenti all’interno della casa più spiata d’Italia. Nell’ultima puntata, infatti, abbiamo visto varcare la porta rossa a Valeria Marini, Biagio D’Anelli e Giacomo Urtis. 

Quest’ultimo ha già partecipato alla quinta edizione del reality, quindi al momento è molto più conosciuto in questo mondo, mentre Biagio D’Anelli per molti è un volto nuovo. Anche per Katia Ricciarelli, che vedendolo entrare, ha chiesto ai suoi compagni d’avventura: “Ma Biagio è gay o è normale?”.

Una frase che ha gelato i telespettatori e che ha fatto infuriare molti, infatti il pubblico oramai è stanco di passare sopra a questi continui scivoloni. Dopo l’ultima cosa successa oramai la decisione per molti è inevitabile: vogliono la squalifica della cantante dalla casa.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Mina, dopo quasi 50 anni svelato il motivo del suo addio : è da brividi

GF Vip
Screen da video (Mediaset)

Altri, invece, sono certi che Katia non subirà neanche un rimprovero: infatti il conduttore ha più volte dichiarato di essere contro il politically correct e di voler abolire il provvedimento della squalifica.