Omicidio del professore universitario, possibile svolta: fermato un uomo

Un 70enne sarebbe stato fermato nell’ambito delle indagini sull’omicidio del professore universitario di 52 anni, ucciso a Tarquinia martedì.

Carabinieri
Carabinieri (Equatore – Adobe Stock)

Possibile svolta nell’omicidio del professore universitario di 52 anni, assassinato a Tarquinia (Viterbo) martedì. Nelle scorse ore, i carabinieri, che si stanno occupando delle indagini sul caso, hanno fermato un uomo di 70 anni. Il sospettato sarebbe ora piantonato in ospedale, dove è stato trasportato in seguito ad un malore accusato dopo l’arrivo dei militari dell’Arma presso la sua abitazione.

Tarquinia, omicidio del professore universitario: fermato un 70enne

Carabinieri
Carabinieri (marcodotto – Adobe Stock)

C’è un fermo per l’omicidio di Dario Angeletti, il docente universitario di 52 anni freddato con un colpo d’arma da fuoco e ritrovato senza vita all’interno della sua auto martedì a Tarquinia, in provincia di Viterbo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Esplosione e incendio in un edificio: morto giovane studente

I carabinieri, secondo quanto riporta la redazione di Leggo, avrebbero fermato un ex collega di 70 anni della vittima. L’uomo, raggiunto dai militari dell’Arma nella sua abitazione, sarebbe stato colto da un malore e trasportato, per i controlli del caso, presso l’ospedale Belcolle di Viterbo, dove ora si trova piantonato dalle forze dell’ordine.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Professore universitario ucciso nella sua auto: indagini in corso

Gli investigatori, coordinati dalla Procura della Repubblica di Viterbo, scrivono i colleghi di Leggo, sarebbero arrivati al 70enne, che ha negato il suo coinvolgimento nel delitto, dopo aver esaminato i filmati delle telecamere di sorveglianza poste in zona ed i tabulati telefonici della vittima. Da quanto emerso sino ad ora, gli inquirenti ipotizzano che alla base del delitto del professore universitario possa esserci un movente passionale, tesi ancora da confermare. Maggiori dettagli sul delitto potrebbero emergere dai risultati dell’autopsia sulla salma che verrà effettuata oggi.

Ancora sconvolta la comunità di Tarquinia, dove il sindaco Alessandro Giulivi ieri, come si legge in un post sulla pagina Facebook del Comune nel viterbese, ha deciso di sospendere le celebrazioni dell’accensione delle luminarie in segno di lutto per la morte di Dario Angeletti.

Siamo sconvolti dalla morte del nostro concittadino Dario. Tarquinia – si legge nel post-  da alcune ore sta vivendo uno dei suoi momenti umani più bui”.