Spagna: tasso di occupazione si impenna e scavalca il pre-pandemia

La Spagna ha registrato una sensibile diminuzione del tasso di disoccupazione nel 2021: creati 776.000 nuovi posti di lavoro.

Spagna: tasso di occupazione si impenna e scavalca il pre-pandemia
Spagna (Getty Images)

Felice notizia dalla Spagna, dove il tasso di disoccupazione ha calcolato una sensibile diminuzione nel 2021. A riferire l’informazione è El Pais, la cui fonte ufficiale asserisce l’impennata dell’occupazione nel Paese, la cui cavalcata è stata tale da superare i numeri pre-pandemia. La vera conferma arriva dai dati forniti dai ministeri del Lavoro e della Previdenza sociale: con la creazione di 776 mila nuovi posti di lavoro nello scorso anno, la Spagna ha registrato un considerevole aumento: si tratta del maggior incremento del tasso di occupazione dal 2005.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Flurona: sintomi e natura della doppia infezione riscontrata in Israele

Tasso di occupazione alle stelle in Spagna con la creazione di 776.478mila nuovi posti di lavoro

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Daniel+Nicole Günther (@donventure.de)

NON PERDERTI ANCHE >>> Tragedia in metropolitana: salta il tornello, si rompe il collo e muore

Sale il tasso di occupazione in Spagna; un incremento così non si registrava dal 2005. La conferma arriva dai dati dei ministeri del Lavoro e della Previdenza sociale: nel 2021 sono stati creati 776.478 nuovi posti di lavoro, ci sono stati 574.000 nuovi iscritti alla Previdenza Sociale e 140.000 disoccupati in meno rispetto al periodo antecedente alla pandemia. I numeri parlano chiaro, la lunga parentesi, tuttora aperta, non ha piegato il mercato del lavoro nel Paese. Stando a quanto si apprende dalla fonte ufficiale, nonostante l’epoca di fragilità e incertezza a livello internazionale, numerosi fattori hanno concorso a sollevare prima e sostenere poi l’economia del Paese.

Il mercato del lavoro della Spagna gode di buona salute anche in virtù, secondo quanto riportano le voci della fonte, della revoca delle restrizioni, dei progressi della campagna vaccinale, nonché del miglioramento dei consumi grazie allo sblocco dei risparmi accumulati dalle famiglie. Dalla combinazione dei fattori ne esce una situazione florida nella sfera professionale con ripresa occupazionale ed entrate previdenziali a ritmi impensabili se si guarda alle precedenti recessioni. I 19.824.911 iscritti alla previdenza odierni e i 3.105.905 disoccupati recidono un solco netto con i dati di febbraio 2020, l’ultimo mese prima dell’impatto economico conseguente al coronavirus.

Spagna: tasso di occupazione si impenna e scavalca il pre-pandemia
Spagna (Getty Images)

Febbraio 2020 ha registrato 19.250.299 iscritti alla previdenza e 3.246.047 disoccupati.