Donna scomparsa da settimane, possibile svolta: trovato un cadavere vicino ex manicomio

Nella giornata di ieri, a Trieste, un cadavere è stato rinvenuto all’interno di due sacchi neri per l’immondizia: potrebbe trattarsi di Liliana Resinovich.

Carabinieri
Carabinieri (Claudio Caridi – Adobe Stock)

Liliana Resinovich è svanita nel nulla il 14 dicembre scorso da Trieste. Da quel giorno nessuno ha più avuto suo notizie. Il marito, Sebastiano Visintin, ha presentato denuncia di scomparsa facendo partire la macchina delle ricerche. Nonostante il tempo trascorso –però- nessuna svolta, almeno sino ad ieri quando un cadavere è stato rinvenuto all’interno di due sacchi neri dei rifiuti. L’ipotesi è che possa trattarsi proprio di Liliana Resinovich, una notizia ancora in attesa di conferma.

Trieste, potrebbe essere di Liliana Resinovich il corpo rinvenuto in un boschetto

Vigili del Fuoco
Vigili del Fuoco (ChiccoDodiFC – Adobe Stock)

A Trieste nella giornata di ieri, mercoledì 5 gennaio, un cadavere è stato rinvenuto all’interno di due sacchi per i rifiuti. Il timore è stato subito quello che il corpo potesse appartenere a Liliana Resinovich, la donna scomparsa il 14 dicembre scorso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Omicidio Varese: “Ho ucciso mio figlio per punirla…” Rivelazioni sconcertanti dell’assassino

Stando a quanto riporta la redazione di Leggo, gli investigatori stavano perlustrando una zona in prossimità dell’ex ospedale psichiatrico di San Giovanni quando avrebbero effettuato il macabro ritrovamento. Dalle buste fuoriusciva un lembo di stoffa di un cappotto grigio, ed è proprio in quell’istante che avrebbero capito trattarsi di un cadavere.

Immediato l’arrivo sul luogo del pubblico ministero, Maddalena Chergia, a cui poi si è unito Fulvio Costantinides, il medico legale che ha effettuato una prima ispezione. Se quel corpo appartenga a Liliana Resinovich, però, resta ancora un mistero. Gli inquirenti sul punto non si sono espressi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Ottico trovato morto in casa: a fare la drammatica scoperta la sorella

Nel parchetto sarebbe giunto anche Sebastiano Visintin, marito della donna scomparsa il quale avrebbe affermato – riferisce Leggo– che nessuno lo avrebbe contattato per effettuare un riconoscimento del corpo, ma che si sarebbe recato in quel luogo di sua spontanea volontà.

Visinitn avrebbe dichiarato ai microfoni dei cronisti che lo hanno intervistato, che la moglie il 14 dicembre, dopo essere stata presso un negozio ortofrutticolo, sarebbe stata ripresa dalla telecamera di un autobus sul quale sarebbe salita. Stando sempre a quanto dichiarato dall’uomo pare fossero le 8:30 del mattino. Una ricostruzione al vaglio degli inquirenti.

Liliana Resinovich
Liliana Resinovich (screenshot Chi l’ha visto?)

Non sono mancate considerazioni in merito ad una notizia che ha iniziato a circolare circa una possibile partenza della moglie per un week-end con un amico, Claudio Sterpin. Visinitn avrebbe detto che tale circostanza sarebbe assolutamente falsa ed offensiva verso di lui e Liliana. La donna a suo avviso non avrebbe mai fatto una cosa del genere.