“Vite al Limite”. Robert è stato uno dei pazienti più pesanti mai apparsi nello show. Che cosa gli è capitato

“Vite al Limite”. Il programma di Real Time segue i pazienti patologicamente obesi del dottor Nowzaradan. Vi raccontiamo la storia di Robert Buchel

Robert Buchel, Vite al Limite
Robert Buchel, Vite al Limite (Web)

“My 600 lb life” è una serie originale del canale statunitense TLC; in Italia va in onda con il titolo di “Vite al limite”, canale 31 – Real Time. Segue il percorso di persone patologicamente obese mentre combattono la loro dipendenza da cibo e cercano di perdere peso con l’aiuto del dottore iraniano Younan Nowzaradan.

Questo programma è riuscito a diffondere gioia e ispirazione in tutto il mondo per molti anni. Purtroppo, non tutti i partecipanti sono stati in grado di sopportare lo sforzo del difficile cambiamento del loro stile di vita. Vi raccontiamo la storia di Robert Buchel.

“Vite al Limite”. Scopriamo che fine ha fatto Robert Buchel

Robert Buchel, Vite al Limite
Robert Buchel, Vite al Limite (Web)

Robert Buchel è un uomo di 41 anni apparso nell’ottava puntata della sesta stagione di “Vite al limite”. Originario di Forked River, nello stato del New Jersey, era arrivato a pesare 382 kg. Con il supporto della sua fidanzata Kathryn, Robert si è rivolto al dottor Nowzaradan in un ultimo disperato tentativo di salvarsi la vita.

Leggi anche >>> “Vite al Limite”. Se non fosse dimagrito la moglie lo avrebbe piantato in tronco. Il bivio di un paziente obeso del popolare programma

Per quasi tutta la durata della sua esistenza è stato costretto a letto a causa della gigantesca mole, gravato inoltre da un grottesco linfedema agli arti inferiori. Essendo completamente immobile, dipendeva dalle persone a lui più vicine che si prendevano cura di lui in tutto e per tutto. Sebbene apprezzasse ciò che facevano per lui, non gli piaceva questa situazione. “É una vita che non auguro a nessuno” – ha detto – “Non posso fare nulla per nessuno, specialmente per me stesso. Sono completamente dipendente dalla mia fidanzata”.

Ha ammesso che la sua dipendenza da cibo per sentirsi felice è iniziata quando era solo un bambino. I suoi genitori aprirono un negozio di pollo fritto quando aveva sei anni, ne mangiava in maniera complusiva. Successivamente, quando un vicino di casa lo molestò, il cibo è divenuto la sua unica via di conforto. In adolescenza pesava già oltre 100 kg.

Robert ha rivelato che dopo la morte di suo fratello avvenuta a causa di un attacco cardiaco all’età di 19 anni, ha iniziato a sentirsi ancora più depresso e la sua dipendenza è peggiorata. Desiderava stare meglio soprattutto per Kathryn ed era determinato a fare un cambiamento. Ha contattato il dottor Nowzaradan come guida e supporto e si è trasferito in Texas per iniziare il suo percorso verso la perdita di peso. Dopo alcuni problemi iniziali nell’adattarsi al rigido programma imposto dal medico televisivo, Robert è stato in grado di perdere sufficientemente peso grazie alla dieta e gli esercizi fisici.

Leggi anche >>> “Vite al Limite”. A causa del suo peso non ha potuto nemmeno dire addio alla madre morente. Una storia sconvolgente

É stato inoltre sottoposto a un intervento chirurgico per rimuovere il suo linfedema. Nonostante ciò, Robert sfortunatamente ha visto aggravarsi la sua depressione. Rifiutava i suoi esercizi e la sua dipendenza da antidolorifici è divenuta troppo grande da gestire. Ha anche provato a strapparsi i punti di sutura nella speranza di riprendere di nuovo delle pillole.

Robert Buchel, Vite al Limite
Robert Buchel, Vite al Limite (Web)

Il 15 novembre 2017 ha avuto un infarto fatale nel sonno ed è deceduto. “Ho perso il mio migliore amico e la persona con cui avrei dovuto passare il resto della vita” – ha detto la sua fidanzata Kathryn. Anche il dr. Nowzaradan ha espresso il suo grande dolore per la perdita di Robert.