Evasione dal carcere: tre detenuti riescono a scappare con un piano da film

Triplice evasione durante la scorsa notte dal carcere di Bellizzi ad Avellino: uno dei tre fuggitivi è stato già catturato, ancora ricercati gli altri due.

Carcere
(Getty Images)

Hanno scavato un buco nel muro di una cella poi si sono calati con delle lenzuola e sono fuggiti. Questo il piano messo in atto da tre uomini evasi la scorsa notte dal carcere di Bellizzi ad Avellino dove erano detenuti. Scattato l’allarme, le forze dell’ordine sono riuscite a bloccare uno dei tre fuggitivi, mentre gli altri due sono tutt’ora ricercati. Carabinieri e polizia stanno perlustrando tutta la zona con l’ausilio anche di un elicottero per individuare i due detenuti.

Avellino, triplice evasione dal carcere: preso uno dei detenuti, due sono ancora in fuga

Carabinieri
(Claudio Caridi – Adobe Stock)

Un piano degno di un set cinematografico quello messo in atto da tre detenuti del carcere di Bellizzi ad Avellino. I tre, secondo quanto ricostruito, come riportano alcune fonti locali e la redazione de Il Corriere del Mezzogiorno, avrebbero scavato per diversi giorni un buco nel muro della loro cella. Completato il lavoro, la notte scorsa, tra lunedì 10 e martedì 11 gennaio, si sono calati utilizzando delle lenzuola annodate e sono riusciti a lasciare la casa circondariale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Si accascia al suolo mentre fa jogging: uomo muore colpito da un improvviso malore

Scattato l’allarme, sul posto sono arrivati i carabinieri che, poco dopo, insieme agli agenti della Polizia Penitenziaria sono riusciti a bloccare uno dei tre fuggitivi, un uomo originario dell’Est Europa. Gli altri due, un 23enne romeno ed un cittadino marocchino di 41 anni, hanno fatto perdere le proprie tracce e sono ancora ricercati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Drammatico incidente in un cantiere: operaio perde la vita

Un massiccio dispiegamento di carabinieri e Polizia, con l’ausilio di un elicottero, sta operando su tutto il territorio irpino per cercare di catturare i due detenuti. Attivati controlli anche sui mezzi di trasporto.

Carcere
(patrick489 – Pixabay)

L’episodio è stato commentato dal segretario generale della Uilpa Polizia Penitenziaria, Gennaro De Fazio, il quale ha spiegato: “Siamo ormai in una situazione in cui ogni giorno, o quasi, in carcere succede qualcosa di gravissimo, dalle sparatorie alle evasioni, passando per suicidi, omicidi e nascite. Non ci chiediamo più se accadrà, ma solo dove e quando. A quest’ultima domanda siamo rispondiamo: prestissimo!”.