Albano distrugge un ristorante a Milano, poi si sfoga: “Hanno esagerato”

Albano Carrisi fa a pezzi un ristorante milanese durante un attacco di rabbia, poi si pente e racconta tutto: “Hanno esagerato”.

Albano Carrisi (Instagram)
Albano Carrisi (Instagram)

Albano Carrisi ha rivelato un segreto sulla sua giovinezza che non si sarebbe mai aspettato nessuno. Non tutti sanno, infatti, che prima di sfondare nel mondo della musica il cantante pugliese ha lavorato a Milano, guadagnandosi da vivere come tanti altri comuni mortali fanno tutti i giorni: facendo il cameriere. Proprio a proposito di questo periodo, a sua detta molto stancante, il cantante ha raccontato un episodio che ha lasciato i fans senza parole.

Albano Carrisi distrugge tutto, il racconto sconvolge i fans

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >> Fedez si toglie la fede, si scatena il tam tam su Twitter: “È crisi con Chiara”

A Milano Albano, non ancora famoso, è stato spesso preso in giro per il suo accento. I clienti lo chiamavano spesso “terrone”, perché lui non sempre riusciva a decifrare il stretto accento milanese, e una volta hanno superato ogni limite: “Mi hanno fatto arrabbiare tantissimo. Ho spaccato un intero ristorante in piazza Duomo” ha raccontato l’artista. 

“Lavoravo lì e mi avevano scambiato per uno schiavetto, mi facevano lavorare senza sosta. Avevo fatto sei mesi senza un giorno di riposo”. Un destino che, diciamocelo chiaro, tocca a molti se non a tutti i giovani che nascono da una famiglia non ricca in Italia. Il mondo del lavoro purtroppo funziona ancora così, ma evidentemente Albano non era abituato a tali insulti e mancanze di rispetto: “Un giorno ho sentito dei discorsi che non mi piacevano e ho reagito come non avrei dovuto” ha raccontato al pubblico.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >> Elodie svela i motivi della rottura con Marracash: “Vi spiego cosa è successo veramente….” 

Albano Carrisi (Instagram)
Albano Carrisi (Instagram)

“Essere di umili origini era una croce sulle spalle” ha raccontato Albano. Ma Papa Giovanni Paolo XXIII lo ha aiutato a ritrovare dentro di sé la grinta per andare avanti:  “Anche lui è di famiglia contadina, mi ha dato una carica incredibile. Sono stato più ricco in quel periodo che non dopo” ha concluso.