Rigide temperature e ondata di maltempo, l’Onu: morti 3 bambini

Tre giovani vittime legate all’abbassamento delle temperature; altri due bimbi sono in fin di vita: lo riferisce l’Ufficio dell’Onu.

Rigide temperature e ondata di maltempo, l'Onu: morti 3 bambini
Siria (Getty Images)

Triste notizia dalla Siria, dove tre bambini sono morti a causa del sensibile abbassamento delle temperature. Il dato è stato riferito dall’Ufficio dell’Onu per il coordinamento umanitario (OCHA). Stando a quanto si apprende dal comunicato, i decessi sono legati all’intensa e prolungata ondata di maltempo e gelo che continua a colpire la folla indistinta ammassata da anni in diversi campi profughi del Paese. L’irrigidimento del clima, riversato tra le file di tende e strutture prefabbricate di migliaia di sfollati, piega le categorie più vulnerabili e a inizio anno ha già provocato le sue prime vittime: 3 bimbi. Secondo quanto riporta la fonte ufficiale altri due bimbi sono in fin di vita. 

NON PERDERTI ANCHE >>> Scomparso bimbo di 4 anni, ritrovato il cadavere: arrestato un uomo

Ogni anno il freddo piega le categorie più vulnerabili

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Saleh Maarawi (@salehmaarawi)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Cantante ceca no-vax si contagia intenzionalmente: morta di Covid-19

Il termometro scende sotto lo zero e l’appello è sempre lo stesso. Già lo scorso anno l’organizzazione Save the Children aveva lanciato l’allarme, evidenziando l’alto rischio di crisi umanitaria. Due anni fa, a inizio febbraio 2020, la segnalazione partiva da Idlib, nel nord della Siria: migliaia di bambini sfollati senza assistenza umanitaria rischiano la vita con temperature sotto lo zero.” Quest’anno, in pieno inverno 2022, la situazione non è cambiata: tre bambini sono morti e altri due sono in fin di vita nel nord-ovest della Siria. La causa non muta: la prolungata ondata di gelo, vento e maltempo con conseguente irrigidimento delle temperature mettono a dura prova le migliaia di vite affastellate da anni in campi profughi.

I dati provengono dalla dichiarazione dell’Ufficio dell’Onu per il coordinamento umanitario (OCHA). Stando a quanto si legge nella fonte ufficiale, un bimbo è morto schiacciato dall’improvviso crollo del tetto del proprio rifugio a causa dell’ingente quantità di neve accumulata: l’intensa precipitazione nevosa ha letteralmente imbiancato la località di Qastal Miqdad. Il piccolo è deceduto mentre la madre, gravemente ferita, è stata trasferita d’urgenza in ospedale per il ricovero in terapia intensiva. In ospedale, riferisce l’Ufficio dell’Onu, vi sono altri due bambini.

Rigide temperature e ondata di maltempo, l'Onu: morti 3 bambini
Siria (Getty Images)

Le vittime del freddo sono nella zona di Afrin, nel Governatorato di Aleppo al confine con la Turchia. I piccoli pazienti sono in fin di vita e rischiano l’ipotermia.