Covid-19, il bollettino del 28 gennaio: 143.898 nuovi contagi e 378 morti

Il Ministero della Salute, nella giornata di oggi, venerdì 28 gennaio, ha comunicato i numeri dell’epidemia da Covid-19 in Italia tramite bollettino.

Coronavirus
(Getty Images)

Attraverso il consueto bollettino, il Ministero della Salute ha fornito i dati aggiornati sull’epidemia da coronavirus diffusasi nel nostro Paese. Stando all’odierna tabella sanitaria, i casi di contagio complessivi salgono a 10.683.948, ossia 143.898 rispetto a ieri a fronte dei 1.051.288 tamponi effettuati nelle ultime 24 ore. Prosegue il calo dei soggetti attualmente positivi che risultano ad oggi 2.668.828 (-37.625), così come il dato dei pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva: 1.630 in totale 15 in meno rispetto a ieri. Le persone guarite ammontano a 7.869.583 con un incremento rispetto a ieri di 181.594 unità. Si aggrava ancora il bilancio delle vittime in Italia con 378 morti registrati nelle ultime 24 ore che hanno portato il totale a 145.537. 

Covid-19, bollettino: i numeri del Covid-19 nella giornata di giovedì 27 gennaio

Coronavirus
(Getty Images)

Stando all’aggiornamento del Ministero della Salute di ieri, le persone risultate positive al virus dall’inizio dell’emergenza erano salite a 10.539.601. In calo i soggetti attualmente positivi che ammontavano a 2.706.453, così come i pazienti ricoverati in terapia intensiva pari a 1.645. I guariti complessivi salivano a 7.687.989 mentre il bilancio dei morti totale arrivava a 145.159. 

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Coronavirus, il bollettino del 27 gennaio: 155.697 nuovi casi di contagio e 389 decessi

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di mercoledì 26 gennaio

Secondo il bollettino pubblicato nella giornata di mercoledì, i casi di contagio complessivi erano 10.383.561. Saliva il numero dei soggetti attualmente positivi che ammontava a 2.716.581. In calo i ricoveri nei reparti di terapia intensiva: 1.665 in totale. Le persone guarite dall’inizio dell’emergenza erano 7.522.210. Si aggravava il bilancio delle vittime che raggiungeva il totale di 144.770. 

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Covid-19, il bollettino del 26 gennaio: 167.206 nuovi casi e 426 vittime

Coronavirus, monitoraggio Iss: in calo Rt, incidenza dei casi e ricoveri in ospedale

Stamane, l’Iss ha pubblicato sul proprio sito il monitoraggio settimanale che analizza l’andamento dell’epidemia in Italia. Dal report è emersa la discesa dell’incidenza settimanale dei casi passata dai 2.011 casi ogni 100mila abitanti della precedente settimana a 1.823. Si abbassa sensibilmente anche l’Rt medio pari a 0,97 (range 0,86 – 1,18) e sotto la soglia epidemica fissata a 1.

Per quanto riguarda i ricoveri dei pazienti Covid in ospedale, il livello di occupazione nei reparti di terapia intensiva è sceso dal 17,3% al 16,7%, mentre quello nelle aree mediche a livello nazionale dal 31,6% al 30,4%.

Infine, secondo il monitoraggio, sono quattro le Regioni/Province Autonome classificate a rischio alto, nove sono quelle a rischio moderato e otto quelle considerate a rischio basso.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Coronavirus, monitoraggio Iss: in calo Rt, incidenza dei casi e ricoveri in ospedale

Governo, si lavora a nuovo decreto legge: le ipotesi al vaglio

In queste ore il Governo Draghi sta lavorando su un nuovo decreto legge con l’obiettivo di allentare le misure in vigore. Secondo quanto riporta la redazione di Sky Tg24, l’esecutivo starebbe valutando diverse ipotesi, tra cui anche la possibilità di superare il sistema dei colori per le varie regioni in base all’andamento dei dati e la semplificazione delle norme dedicate alle scuole. Inoltre, il Governo potrebbe discutere della proroga della validità del Green Pass per tutti i soggetti che si sono sottoposti alla terza dose di vaccino. Al momento la validità della certificazione è di 6 mesi.

Infine, potrebbe arrivare una modifica anche per il conteggio dei pazienti Covid: i ricoverati asintomatici, in ospedale per altre patologie, potrebbero non essere più conteggiati tra i ricoveri Covid.

Paxlovid, la pillola anti-Covid disponibile in Italia da febbraio

La struttura commissariale del generale Francesco Figliuolo ha reso noto che dalla prima settimana del prossimo mese in Italia sarà disponibile Paxlovid, la pillola anti-Covid prodotta dalla casa farmaceutica Pfizer. Nel nostro Paese, scrive Il Mattino, sono in arrivo 11.200 trattamenti che verranno poi distribuiti alle Regioni secondo le indicazioni del Ministero della Salute e dell’Aifa.

Il Ministero ha stretto un accordo con la casa statunitense per un totale di 600mila trattamenti completi del farmaco antivirale che arriveranno in Italia nel corso di quest’anno.

Dopo l’ok dell’Ema di alcune settimane fa, attraverso una nota diramata ieri, l’Agenzia Italiana del Farmaco ha dato il via libera all’immissione in commercio del Paxlovid. “Il Comitato – si legge nella nota- ha raccomandato l’autorizzazione del farmaco per il trattamento del Covid-19 negli adulti che non necessitano di ossigenoterapia supplementare e a maggior rischio di progredire verso la forma grave della malattia“.

ELEZIONE PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA, IL SONDAGGIO DI YESLIFE