Pavia, ricercata da un anno è stata trovata nascosta dentro un camper

Una giovane donna 26enne, ricercata da oltre un anno, è stata ritrovata nascosta in un camper a San Damiano al Colle, Pavia

La donna è stata trovata, dopo un anno di ricerche della polizia, a bordo di un camper abbandonato in un parcheggio, a San Damiano al Colle in provincia di Pavia.

donna ritrovata san damiano al colle
(Pixabay)

Residente a Roma, era stata condannata a Cagliari, in Sardegna, per una serie di reati commessi. A maggio 2021 dall’Ufficio esecuzioni penali della Procura di Cagliari era stato emesso l’ordine di esecuzione per espiazione di pena detentiva, a seguito di condanna definitiva: deve scontare un anno, un mese e due giorni.

Latitante da oltre un anno è stata ritrovata a bordo di un camper a San Damiano al Colle

polizia
(Pixabay)

Dopo la condanna del 4 maggio 2021, la donna aveva fatto perdere totalmente le sue tracce e risultava quindi latitante da oltre un anno. Sono subito scattate le operazioni di ricerca per ritrovarla e poterla così assicurare alla giustizia. Le ricerche avevano preso avvio a Roma, dove la donna risulta residente, per arrivare fino all’Oltrepò pavese, dove invece ha la residenza il marito della donna. Ed è proprio nei pressi della casa del coniuge che è stato trovato il camper al cui interno si nascondeva la latitante. Proprio nella mattinata di lunedì 7 marzo, era partita l’ispezione dei luoghi dove vi era il sospetto che la donna potesse nascondersi. Le ipotesi sono state confermate e le ricerche sono andate a buon fine, concludendosi con il ritrovamento della 26enne in un camper abbandonato in un parcheggio a San Damiano al Colle.

I primi sospetti su dove potesse trovarsi sono nati quando ai militari è giunta voce di una donna che viveva all’interno di un camper. Da lì i primi sentori, che potesse trattarsi proprio della ricercata, confermati poi dall’imminente controllo. I militari sono entrati all’interno del veicolo, dove hanno trovato la giovane accovacciata nell’estremo inutile tentativo di nascondersi. Dopo essere stata portata in caserma, una volta avvenuta l’identificazione, le è stato mostrato l’ordine di carcerazione. In seguito è stata portata al carcere vigevanese dei Piccolini dove dovrà scontare la condanna.