“Belve”, Donatella Rettore contro tutti: “Sono più brava di Madonna ma non meglio di Lady Gaga“

“Belve”. Il format di Francesca Fagnani prevede domande spinose, per nulla edulcorate, ai vari ospiti che si danno il cambio puntata dopo puntata. Donatella Rettore ha sparato a zero su tutti

Non vi fate ingannare dall’aspetto angelico di Fracesca Fagnani; quando si tratta di fare domande scomode e spinose ai suoi ospiti non si tira di certo indietro. Ed è proprio questo il topic e il punto di forza di “Belve”, programma in onda su Rai Due, al tempo stesso amatissimo dal pubblico e temuto dai vari ospiti che accettano consapevolmente di essere messi sotto torchio dalla capace giornalista.

Francesca Fagnni a "Belve"
Francesca Fagnni a “Belve” (Instagram)

Piccantelle sono state, ad esempio, le interviste a personaggi forti come Monica Guerritore, Asia Argento e Morgan. Non poteva essere da meno Donatella Rettore, intervenuta nell’ultima puntata in onda. La Fagnani è andata a ripescare vecchie dichiarazioni della cantante su vari colleghi, una più pesante dell’altra. Tra imbarazzo e ironia, nessuna delle due si è di certo risparmiata.

Donatella Rettore a “Belve”: Francesca Fagnani rovista nel passato, le dichiarazioni sono pesanti

Donatella Rettore Belve
Donatella Rettore (Instagram)

A quasi 30 anni dalla sua ultima partecipazione come concorrente al Festival di Sanremo, Donatella Rettore è tornata nel 2022 sul palco del Teatro Ariston in duo con la cantante Ditonellapiaga in concorso con la canzone “Chimica”, ottimo successo di vendita, si è aggiudicata il disco d’oro FIMI.

LEGGI ANCHE -> Celentano-Mori: la separazione straziante. La tresca con l’amante non perdona e si tirano le somme

Recentemente è stata ospite del programma di Rai Due “Belve”, intervistata dalla giornalista Francesca Fagnani. Si parte a raffica con domande pungenti: “Di Mina ha detto ‘canta come una lavandaia’, perché?“.

La Rettore lo ha inteso come una sorta di complimento in un modo tutto : “Le lavandaie cantano a pieni polmoni. É una frase che risale a vent’anni fa”.

“Ma ha anche detto che sgargarozza” – ha incalzato la giornalista. “Mina mi piace. Sì, sgargarozza. Era un complimento e sono sicura che sia l’unica che lo abbia capito”.

“Mi dice il nome di un cantante rock bravo in Italia, più bravo di lei?” – ha chiesto la conduttrice di “Belve”. Dopo un lungo, lunghissimo momento di riflessione la risposta è stata “Ligabue”.

Grossa sorpresa: “Ma come? Ha cambiato idea dal 2014? Ha definito Ligabue, Vasco Rossi e Gianna Nannini come ‘la muffa della musica rock’. La Nannini è ‘una cantante di liscio’ e Ligabue una ‘macchietta, rifà se stesso, si fa il verso’”.

Donatella Rettore ha un po’ ritrattato, confermando però che la Nannini sia una romantica, poco affine al rock.

Francesca Fagnani ha poi recuperato un’altra citazione della cantante in cui sostiene di essere meglio della super star Madonna. “Ci vuole poco” – ha sorriso la Rettore. “La Ciccone deve andare nello sciacquone. Canto meglio di Madonna” – poi finalmente un po’ di umiltà – “Ma non meglio di Lady Gaga“.

LEGGI ANCHE -> Sangiovanni svela perché ha tagliato i capelli. Parole che lasciano il segno

Cosa dire poi del nomignolo dato a un’altra interprete, “Luridona Bertè”? Donatella Rettore (sottolineando senza motivo di essere più giovane della collega) ha negato di averlo messo lei in circolazione. Tuttavia, è stata querelata nel 1981 proprio dalla Bertè. Il giudice ha archiviato il caso per l’incosistenza del reato.