Benessere a tavola: caratteristiche, benefici e proprietà del farro

Un grande cereale dal considerevole apporto proteico: un vero peccato non servirlo a tavola. Scopriamo le sue proprietà e caratteristiche.

Il farro appartiene alla famiglia dei cereali. Apprezzato da nutrizionisti e dietologici per il suo elevato apporto nutrizionale, in particolare nel macros delle proteine, concentrato in una contenuta percentuale calorica; il farro è una ricca fonte di benessere e salute per l’intero organismo. Gli esperti lo consigliano specialmente come alimento alternativo al riso bianco. Il motivo? Scopriamolo insieme con una breve panoramica dei suoi principali benefici.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Diletta (@sano_buono_e_italiano)

NON PERDERTI ANCHE >>> Benessere a tavola: cosa sono i macros e a cosa servono

Farro a tavola: benefici, caratteristiche e proprietà

Benessere a tavola: caratteristiche, benefici e proprietà del farro
Cucina mediterranea (Pixabay)

 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Benessere a tavola: gli alimenti migliori per un cervello sempre giovane

Celebre per il suo spiccato apporto nutrizionale, il farro contiene anzitutto 8 aminoacidi essenziali per l’organismo. Ricco di proteine, carboidrati complessi e fibre, questo cereale contribuisce a mantenere la massa muscolare e favorisce la sensazione di sazietà. Approfondiamo i suoi principali benefici.

  • Ricca fonte di fibre: regola e favorisce il benessere intestinale, agevola la digestione e aiuta a mantenere la linea
  • Ottima fonte di carboidrati complessi: questo alimento aumento la sensazione di sazietà. Per questo motivo è particolarmente consigliato da dietologi e nutrizionisti. In virtù del suo equilibrato apporto di proteine e carboidrati, il farro rappresenta un prodotto ideale per mantenersi in linea e, soprattutto, in salute.
  • Tesoriera naturale di glutine: se non si soffre di celiachia, preferire alimenti gluten free può aumentare il rischio di osteoporosi e disturbi cardiaci; meglio inserire più spesso questa proteina vitale per il corretto funzionamento dell’organismo.
  • Ricca fonte di vitamine e minerali: in particolare quelle appartenenti alla famiglia A, C e B. Nella lista dei sali minerali, invece, si contano fosforo, potassi, magnesio e ferro.
  • Elevato apporto di selenio: le sue proprietà antiossidanti contrastano il principio dei radicali liberi, principali responsabili dell’invecchiamento e deterioramento cellulare. Assumere la giusta quantità di selenio aiuta inoltre a prevenire il rischio di sviluppo di patologie cardiovascolari o tumorali. Più selenio, più lontani i problemi legati alla tiroide e al declino neurocognitivo.