Maneskin, l’attacco a Putin e “Gasoline”: il significato del brano portato al Coachella

Il grande debutto dei Maneskin sul palco del Coachella dove hanno eseguito per la prima volta live “Gasoline”. Il significato del brano e la solidarietà mostrata per l’Ucraina

I Maneskin hanno fatto il loro debutto sul palco del Coachella nel corso dell’ultima giornata del primo weekend. La band italiana replicherà domenica 24 aprile quando si esibirà nuovamente al noto festival americano. Per l’occasione Damiano David, Victoria De Angelis, Thomas Raggi ed Ethan Torchio hanno infuocato il pubblico con i loro brani più noti, accompagnati da alcune cover e dal loro nuovo inedito.

Maneskin Coachella Gasoline
Maneskin al Coachella (Instagram)

Tra le cover eseguite anche “Womanizer” di Britney Spears e l’immancabile “Beggin’“, mentre tra i brani in lingua italiana presenti in scaletta “Zitti e Buoni” e “In Nome del Padre“. Il carisma della band ha conquistato le persone accorse sotto il palco, tra cui anche molti influencer italiani presenti al festival. Tra i momenti che hanno catturato l’attenzione troviamo l’esibizione del brano scritto per le vittime della guerra in Ucraina.

“Gasoline”, il forte messaggio lanciato dai Maneskin. Dal palco del Coachella Damiano David urla: “Fanc**o Putin”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Måneskin (@maneskinofficial)

I Maneskin hanno sorpreso il pubblico esibendosi con “Gasoline“, il brano scritto come tributo alle vittime della guerra attualmente in atto in Ucraina. Damiano David ha introdotto la canzone recitando il discorso tratto da “Il Grande Dittatore“, affermando poi come sia “un privilegio vivere mentre le bombe cadono sulle città“.

LEGGI ANCHE -> Laura Pausini, gli auguri al suo grande amore accompagnati da un VIDEO inedito

Il brano era stato pubblicato sui social in occasione della partecipazione della band alla campagna lanciata da Global Citizen in cui ci si impegna a dare un aiuto ai rifugiati.

Come dormi la notte / Come chiudi i tuoi occhi / Mentre vivi con tutte quelle vite tra le mani“, parole dirette al Presidente russo Vladimir Putin, il cui viso è comparso sul maxischermo nel corso dell’esibizione. “Guardaci mentre balliamo / Balleremo sulla benzina“, ripete il ritornello della canzone.

Damiano David ha terminato la performance con un chiaro messaggio: “Free Ukraine, F*ck Putin“, rimarcando ancora una volta la posizione della band sugli ultimi avvenimenti.

LEGGI ANCHE -> “Festival di Sanremo” 2014: dal trionfo tra le Nuove Proposte ai Big il passo è breve. Ricordate chi vinse?

La band italiana ha senza dubbio lasciato il segno e si prepara a replicare il concerto durante il secondo weekend del Coachella Festival. Questo per loro è solo l’inizio, i Maneskin saranno infatti protagonisti nei prossimi mesi di numerosi festival internazionali, dove porteranno sul palco la loro musica e daranno prova del loro innegabile talento.