Colto da un malore in cantiere: direttore dei lavori muore davanti ai colleghi

Venerdì scorso a Vicenza, un 46enne, direttore di un cantiere, è morto stroncato da un malore mentre controllava lo stato dei lavori di ristrutturazione.

Tragedia venerdì scorso in un cantiere allestito per la ristrutturazione di un asilo nido di Vicenza. Il direttore, un 46enne di Galatone (Lecce), che stava seguendo lavori si è sentito male ed è crollato al suolo sotto gli occhi attoniti dei colleghi che hanno lanciato subito l’allarme.

Vicenza malore cantiere muore direttore lavori
(astrosystem – Adobe Stock)

All’arrivo dei soccorsi per l’uomo, però, era ormai troppo tardi. Ai medici del 118 non è rimasto altro che constatarne il decesso.

Vicenza, si accascia mentre controlla i lavori: direttore di un cantiere muore davanti ai colleghi

Stroncato da un malore mentre controllava lo stato di avanzamento dei lavori in un cantiere. È deceduto così Carlo Cardinale, 46enne di Galatone, comune in provincia di Lecce. Il dramma venerdì scorso, 15 aprile, a Vicenza in un cantiere allestito per la ristrutturazione di un asilo approfittando della sospensione delle attività didattiche per le festività pasquali.

Cardinale, secondo quanto riferisce Il Messaggero, si era recato sul posto per verificare lo stato dei lavori della ditta salentina. Dopo aver parlato con alcuni dipendenti, ha accusato un improvviso malore e si è accasciato al suolo. I colleghi, che hanno assistito alla scena, hanno subito chiamato il 118.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Saluzzo, bambino di due anni perde la vita in un incidente con il trattore

Presso il cantiere è arrivata un’ambulanza con a bordo l’equipe medica. I sanitari hanno provato in tutti i modi a salvare il 46enne, ma, dopo vari tentativi di rianimazione, si sono arresi ed hanno dichiarato la morte.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Frontale tra auto e camion: studentessa muore in ospedale

La notizia si è diffusa rapidamente nel comune del leccese strettosi ai familiari di Cardinale che, riportano i colleghi de Il Messaggero, lascia la moglie e due figli. Tanti i messaggi di cordoglio, apparsi anche sui social, tra cui quello del Milan Club Galatone 1971, di cui il 46enne era presidente.

Ci stringiamo – si legge nel post condiviso sulla pagina Facebook del club- con rispettoso quanto commosso silenzio alla famiglia Cardinale nel ricordo di Carlo: Uomo, Padre, Marito, Figlio e Amico leale e profondo che in questo gruppo ha saputo instancabilmente diffondere ideali e valori che mai saranno dimenticati…Grazie Carletto, buon viaggio!”.