Conad – Auchan, cosa sta accadendo? In 22 punti vendita succede l’impensabile

Una vera sorpresa per la realtà distributiva oggi leader di settore in Italia, in bilico 247 addetti della ex rete commerciale di Auchan.

Leader indiscusso della GDO nazionale con la sua rete di distribuzione capillare basata su un sistema Cooperativo di consorziati, Conad continua dal 1962 ad attirare clienti per la sua incredibile capacità di rendere merito alle piccole realtà di zona e alla filiera sempre super controllata.

Conad-Auchan cassa integrazione straordinaria 242 operai
Conad-Auchan (Facebook)

Mancano due settimane al 13 maggio 2022 quando la realtà festeggerà i suoi primi 60 anni di vita sul mercato italiano, dove è cresciuta e ha saputo sfruttare le opportunità imprenditoriali che il Paese ha offerto. Una su tutte l’acquisizione di Auchan nel 2020 tramite Margherita Distribuzione, però sempre controllata da Conad.

Se tra poco ci sarà un bel compleanno da ricordare, non se la sta passando però bene dal punto di vista legale. Infatti Conad sta contrattando con l’Inps la ristrutturazione della rete commerciale e la cessione a operatori specializzati. Capiamo cosa accade.

Conad lo sta facendo davvero: 13 punti vendita interessati a ristrutturazione straordinaria

I punti vendita interessati da questa ristrutturazione straordinaria sono 13: 4 a Milano (Locali Prealpi, Mariani, Amati e Frattini), 3 in Lombardia, 3 in Campania e Lazio, 2 in Puglia, Abruzzo e Sicilia, 1 in Veneto, Sardegna e Piemonte.

Ma cosa sta succedendo a livello legale? Margherita Distribuzione ha cessato qualsiasi attività commerciale però deve quindi anche gestire in via straordinaria fino al 31 luglio la cassa integrazione di 247 addetti della ex rete commerciale di Auchan.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE –> Lidl lo annuncia sui social: “Una grande opportunità per tutti”. Le novità non finiscono mai

Un onere che si aggira intorno a 1,35 milioni di euro complessivi per cui la stessa Margherita Distribuzione chiederà il pagamento diretto all’Inps.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE –> Milano, apre il quarto supermercato della nota catena: l’attesa è finita

Nel complesso però erano 556 gli operai soggetti a tale azione legale, anche se di questi 309 addetti in esubero hanno preferito l’uscita incentivata piuttosto che ricorrere al giudice del lavoro. Un compleanno amaro per Conad che trascorrerà i prossimi mesi tra contrattazioni e trasferimenti tra sedi e stabilimenti del Nord e Centro Italia.

 

IL TELEGIORNALE DI WWW.YESLIFE.IT DEL 26 APRILE 2022