Genova, 34enne uccisa dal fratello durante una lite in strada

Uccide la sorella a coltellate, davanti al marito, durante una furibonda lite in strada. E’ accaduto a Quinto, provincia di Genova

Una lite tra due fratelli finita in tragedia quella avvenuta durante la sera del 1 maggio a Genova, precisamente nel comune di Quinto. La vittima è Alice Scagni, di 34 anni. L’assassino è il fratello Alberto, 40 anni, fermato subito dalla polizia.

alice scagni uccisa fratello
Alice Scagni (Twitter)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>> Bagnanti scorgono qualcosa affiorare dall’acqua: tragico ritrovamento in mare

Una tragedia che ha dell’inverosimile quella accaduta ieri sera a Quinto, in provincia di Genova. Alice Scagni è stata uccisa brutalmente dal fratello, che si è accanito su di lei colpendola mortalmente. Alla terribile scena hanno assistito il marito della vittima e alcuni passanti.

Uccide la sorella a coltellate durante una lite

alice scagni uccisa fratello
(Ansa)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>> Trovato morto in montagna ex comandante dei vigili: indaga la Polizia

Alisca Scagni, di soli 34 anni, stava passeggiando tranquillamente con il suo cane, lungo via Fabrizi, nei pressi della propria abitazione, quando è stata avvicinata dal fratello Alberto. Tra i due è subito scattata una lite furibonda, per motivi non ancora del tutto chiariti. Secondo alcune indiscrezioni, i rapporti tra i due erano tesi già da un pò di tempo. L’uomo ad un certo punto si è accanito sulla sorella ferendola mortalmente con diverse coltellate. Alla straziante scena hanno assistito il marito e alcuni vicini che, sentendo le urla provenire dalla strada, affacciandosi alla finestra hanno visto quanto stava accadendo e hanno prontamente allertato le forze dell’ordine.

Sul luogo sono subito giunti anche i soccorsi, ma il loro intervento è risultato vano: la donna era già priva di vita. Il marito della vittima ha aiutato la polizia fornendo le informazioni utili per identificare e fermare il cognato. L’uomo è stato infatti subito rintracciato, vicino al luogo dell’aggressione, è stato portato in questura dove è stato sottoposto ad interrogatorio da parte degli investigatori della squadra mobile. Secondo le prime ricostruzioni, l’assassino soffriva di problemi psicologici ed era già in cura da qualche tempo.