Ferito da un colpo di pistola alla testa: ragazzo di 15 anni in fin di vita

Si aggravano le condizioni del ragazzo di 15 anni ricoverato in ospedale a Caserta dopo essere rimasto ferito in casa da un colpo di pistola alla testa.

Ore di apprensione in provincia di Caserta, dove un ragazzo di soli 15 anni si trova ricoverato in ospedale in condizioni critiche. L’adolescente si sarebbe ferito con un colpo di pistola alla testa, un’arma dentuta legalmente dal padre.

Caserta ragazzo 15 anni colpo pistola ospedale
(upixa – Adobe Stock)

Non si conosce in maniera esatta dei fatti, consumatisi ieri mattina a Francolise. Le ipotesi su cui lavorano gli inquirenti sono quella di un colpo partito accidentalmente e quella secondo la quale si sia trattato di un tentato suicidio da parte del giovane.

Caserta, ferito da un colpo di pistola alla testa in casa: ragazzo di 15 anni in fin di vita

Caserta ragazzo 15 anni colpo pistola ospedale
(oltreme – Pixabay)

Un ragazzo di 15 anni è attualmente ricoverato all’ospedale di Caserta in condizioni gravissime. Il giovane è giunto presso il nosocomio nella mattinata di ieri, lunedì 2 maggio, dopo essere rimasto ferito da un colpo di pistola.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Ragazza di 16 anni si getta dalla finestra di casa e muore: la tragica storia di Marta

Secondo quanto appurato, riferiscono fonti locali e la redazione di Sky Tg24, il 15enne è stato trovato riverso nella camera dell’abitazione in cui viveva con i genitori a Francolise, piccolo centro in provincia di Caserta. I militari hanno rinvenuto anche l’arma da fuoco, una pistola che il padre deteneva legalmente in casa e con la quale il ragazzo si sarebbe ferito alla testa.

Trasportato d’urgenza in ospedale, le condizioni dell’adolescente si sono aggravate con il passare delle ore e secondo i medici le sue funzioni cerebrali sono quasi completamente compromesse.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Terribile frontale tra moto ed auto: morto il gestore di un bar

Sull’accaduto stanno ora indagando i carabinieri per determinare la dinamica dei fatti, ancora non del tutto chiara. Due le ipotesi al vaglio degli inquirenti più accreditate: un proiettile partito accidentalmente dalla pistola mentre il 15enne la stava maneggiando o quella di un gesto volontario, forse in seguito ad una lite tra il ragazzo ed i genitori. Da quanto emerso dalle testimonianze dei parenti, però, riferisce Sky Tg24, sembra che in famiglia non vi fossero rapporti conflittuali.

GUERRA IN UCRAINA, COME FINIRA? LO ABBIAMO CHIESTO AI MILANESI – VIDEO