Serve un cocktail alcolico a un minore: bimbo di 8 anni finisce in coma

Il dramma risale a questa domenica: la conferma arriva dai risultati delle analisi del sangue del bambino. Indagato il gestore del ristorante.

Tragica notizia dalla Francia. Siamo a Sainte-Marie, comune nel dipartimento d’oltremare francese de La Réunion, dove un gestore di un ristorante è attualmente indagato per aver servito un cocktail alcolico a un minore.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Fabrice Rose (@fabrrx)

Stando a quanto precisano i media francesi, il ristoratore avrebbe servito per errore la bevanda alcolica a un bambino di 8 anni. Convinto fosse un semplice bicchiere di acqua e menta, il minorenne ha iniziato a sorseggiare il cocktail. In seguito, la confusione; poi, il coma.

NON PERDERTI ANCHE >>> Zara, morte tre donne: il motivo è da brividi

Cocktail a base di rum o vodka: bambino in coma

Serve un cocktail alcolico a un minore: bimbo di 8 anni finisce in coma
Cocktail alcolico (Pixabay)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Tragedia a bordo nelle acque del Giappone, battello affonda: 10 vittime

Il drammatico evento risale a questa domenica 24 aprile. L’indagato è il responsabile di un ristorante di Sainte-Marie, (Réunion). La notizia trova conferma nei vari notiziari francesi. Stando a quanto si apprende dalle fonti ufficiali, il gestore avrebbe servito la bevanda alcolica per errore: una svista che potrebbe costargli molto caro. Vittima dello sbaglio inaccettabile è un bambino di 8 anni, finito in coma per la quantità di alcol ingerita, troppo elevata per la sua età e fisionomia. Secondo quanto precisa Cnews, il minorenne avrebbe tranquillamente continuato a sorseggiare la bibita pensando si trattasse di un’innocua combinazione di acqua e menta.

Tutt’altro che analcolico, il mix alcolico lo farà precipitare in un coma di 4 ore. Trasferito d’urgenza al CHU (Centre Hospitalier Universitaire), il bambino ha potuto lasciare la struttura lunedì (25 aprile). Il profondo stato di incoscienza è stato provocato dall’elevata quantità di alcol: la conferma arriva dall’esito delle analisi del sangue: la cifra stimata era troppo alta per la sua età. Tornato sano e salvo a casa, i genitori hanno accolto il bambino con gioia. Immediata la denuncia in questura: le autorità locali hanno annunciato l’avvio a un’indagine per ulteriori accertamenti sul caso. Secondo fonti locali la bibita conteneva qualche liquore mescolato a rum o vodka.

Questo mercoledì, 27 aprile, la procura di Saint-Denis ha convocato il gestore del ristorante. Questi dovrà rispondere davanti al tribunale penale per atti di “lesioni involontarie”.