Macabra scoperta sulla stradale: cadavere di un ragazzo in una piazzola di sosta

Il cadavere di un ragazzo, di cui non si conoscono le generalità, è stato trovato ieri mattina in una piazzola di sosta della statale 36 a Vanzaghello (Milano).

Una scena raccapricciante quella davanti alla quale si sono ritrovati gli agenti della Polizia ed i sanitari ieri mattina a Vanzaghello (Milano). Un ragazzo è stato trovato morto in una piazzola di sosta lungo la statale 36. A lanciare l’allarme un camionista di passaggio che avrebbe notato il corpo riverso al suolo.

Vanzaghello cadavere ragazzo piazzola statale
Vanzaghello (Milano), il luogo in cui è stato rinvenuto il cadavere del giovane (Ansa)

Quando i medici ed i sanitari sono giunti sul posto non c’era più nulla da fare. Il cadavere presentava fratture, tumefazioni e bruciature di sigarette. Si ipotizza che il giovane, di età compresa tra i 20 ed i 30 anni, sia stato torturato ed ucciso, poi il suo corpo abbandonato sulla statale.

Vanzaghello, cadavere di un ragazzo in una piazzola: sul corpo fratture e bruciature di sigarette

Vanzaghello cadavere ragazzo piazzola statale
(Andrea Fasani – Ansa)

Orrore in provincia di Milano. Un ragazzo, di nazionalità straniera e di età compresa tra i 20 ed i 30 anni, è stato trovato morto lungo la statale 36 che conduce all’aeroporto di Malpensa.

L’allarme è scattato, riporta Il Giorno, quando un camionista in transito sulla strada avrebbe notato il corpo riverso al suolo in una piazzola di sosta nel territorio di Vanzaghello. Immediata la chiamata al numero unico per le emergenze. Sul posto sono arrivate le ambulanze del 118 con a bordo l’equipe medica, gli agenti della Squadra Mobile della Polizia ed il personale della Scientifica.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Donna trovata morta nel suo appartamento con ferite d’arma da taglio: è giallo

Purtroppo, lo staff medico non ha potuto far altro che appurare la morte del giovane, il cui corpo, riportano i colleghi de Il Giorno, presentava tumefazioni, fratture agli arti inferiori e diverse bruciature di sigarette. Ora bisognerà stabilire cosa sia accaduto al ragazzo, ancora non identificato. L’ipotesi è quella secondo la quale la vittima sia stata prima torturata e uccisa, poi il suo cadavere abbandonato nella piazzola. Maggiori dettagli emergeranno dall’esame autoptico, già disposto dall’autorità giudiziaria.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Cerca di scappare dalla Polizia, ma precipita nel vuoto: morto un ragazzo

Da chiarire anche il movente del presunto delitto su cui indaga la Polizia, coordinata dalla Procura della Repubblica di Busto Arsizio. Non è escluso che alla base vi possa essere lo spaccio di sostanze stupefacenti.