Calcio, morto giovane attaccante: circostanze del decesso ancora da chiarire

Ieri è morto all’età di 29 anni l’attaccante congolese Jody Lukoki: non sono state rese ancora note le cause del decesso.

Jody Lukoki, calciatore di soli 29 anni è deceduto in circostanza ancora da chiarire. A diramare la tragica notizia il suo agente che ha spiegato di aver appreso quanto accaduto dai familiari dell’attaccante congolese.

Calcio morto attaccante Jody Lukoki
(Igor Link – Adobe Stock)

Non si conoscono, dunque, i dettagli e le cause della morte. Il procuratore ha chiesto ai giornalisti di rispettare al momento il dolore dei familiari e dei conoscenti di Lukoki che a febbraio aveva rescisso il contratto con il Twente.

Calcio, morto a 29 anni l’attaccante Jody Lukoki: circostanze del decesso da chiarire

Calcio olandese sotto choc. Nella giornata di ieri, lunedì 9 maggio, è scomparso a soli 29 anni Jody Lukoki, attaccante nato in Congo, ma con cittadinanza olandese.

Ad ora non sono state rese note le cause della morte. A darne notizia il suo procuratore, Menno Groenveld, che ha parlato ai microfoni del quotidiano Telegraf. L’agente ha affermato di essere sconvolto dall’accaduto, così come la sua famiglia per cui ha richiesto il rispetto della privacy in questo momento di profondo dolore.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Malore nella notte: morto ex calciatore ed allenatore

Lukoki era al momento svincolato. Nel febbraio scorso aveva rescisso il contratto con il Twente che lo aveva prelevato in estate dalla società turca dello Yeni Malatyaspor. Con il club olandese, però, riporta la redazione de La Gazzetta dello Sport, non aveva mai esordito: prima un brutto infortunio al legamento crociato che lo aveva costretto in infermeria per tutta la stagione e dal quale si stava ancora riprendendo, in seguito le accuse di violenza domestica della compagna, circostanza che avrebbe spinto la dirigenza dei The Reds a risolvere il contratto con il calciatore.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Uomo morto in casa da diversi mesi: nessuno si era accorto di nulla

Il centravanti aveva mosso i primi passi in Olanda, dove si era trasferito da piccolo con la famiglia. Dopo aver militato nelle sue giovanili, l’Ajax decise di promuoverlo in prima squadra con cui esordì in campionato nel 2011. Due anni più tardi, venne prima ceduto in prestito al Cambur e successivamente a titolo definitivo al Pec Zwolle, dove rimase per una sola stagione prima di passare al Ludogorec, in Bulgaria. Nel 2020 il trasferimento in Turchia. In carriera aveva prima deciso di vestire la maglia della nazionale olandese, poi nel 2015 quella della Repubblica Democratica del Congo.

Tantissimi i messaggi di cordoglio susseguitisi nelle scorse ore, tra questi anche quelli dell’Ajax e del Twente che hanno voluto esprimere la propria vicinanza alla famiglia dell’attaccante.