J-Ax torna a parlare su Fedez: “Non fa per me”

Una rivelazione che si conferma parte di un’amicizia ormai convolata in una stima reciproca ma niente più.

Alessandro Aleotti, alias J-Ax, è stato ospite della puntata del podcast “One more time” di Luca Casadei. Nell’ultima puntata della seconda stagione, il rapper milanese ha raccontato vicende legate alla sua carriera ma anche scaramucce legate all’ex amico Fedez.

J-Ax Fedez podcast rivelazione
(spoiu23 – Pixabay)

J-Ax al microfono del manager del main stream si confida, raccontando le vicende legate al suo disco “Di sana pianta” rivelando come fosse stato un fiasco. Questo comportò per il rapper milanese il rischio di chiudere definitivamente con la casa discografica che gli aveva pubblicato l’album.

“L’hanno definita la sindrome dell’agente segreto”, il motivo per cui J-Ax ha chiuso con Fedez

J-ax, Fedez rivelazione podcast Luca Casadei
@j.axofficial – Instagram

“Di sana pianta, un disco ad alto budget in cui credevano tutti.”, avrebbe detto durante l’intervista, come riporta GP. Ma la previsione di vendita, per quell’uscita non superò le aspettative: di trecentomila copie se ne vendettero solo 30mila. “Non vogliamo più sentir parlare di te”, avrebbe detto l’etichetta produttrice dell’album. Il rapper si confida in una nota dolorosa proprio legata al fallimento di questo album: “Cominciai a drogarmi come un pazzo, stetti malissimo”

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Maneskin, il momento che tutti stavano aspettando è arrivato: reazioni incontenibili

Scenari duri da affrontare quando si punta tutte le energie sulla propria carriera. J-Ax, ex Articolo 31, avrebbe poi cambiato raccontato di alcuni episodi tristi della sua infanzia: “Da piccolo  ho sofferto di mutismo selettivo a causa dei bulli, in provincia sembrava di essere in Stranger Things. Ma per me Milano è stata una città inclusiva”, avrebbe detto a Casadei, come riporta GP.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> “Capolavoro dell’universo”: Chiara Ferragni, l’apertura estrema dell’abito è da capogiro. Sotto niente lingerie – FOTO

L’amicizia divenne quindi, per J-Ax, un modo per liberarsi da paure e tormenti. E da adulto, sicuramente un suo punto di riferimento fu proprio Fedez. “Avevamo affinità artistica, ci ha unito l’amore per il punk rock. E lui è uno che vuole spaccare il sistema ma non fa per me”, avrebbe riferito il rapper. L’analista di J-Ax avrebbe definito il rapporto malsano con l’ex amico Fedez “la sindrome dell’agente segreto”. “Io odio il conflitto, faccio finta che vada tutto bene e poi tronco di netto”.