In coma al settimo mese di gravidanza, ora Cristina vedrà la figlia per la prima volta

Una storia che ha dovuto interrompersi per undici lunghissimi mesi. Ma ora la neo mamma è pronta per rivedere la sua bambina.

La vita, si sa, è legata ad un filo invisibile. Per Cristina Rosi, nel luglio 2020 si è spenta all’improvviso quando un infarto fulminante ha interrotto il legame con la bambina che portava in grembo. E’ il 23 luglio 2020 quando ad Arezzo Cristina Rosi subisce un terribile infarto che la costringe ad un lungo coma di 11 mesi.

mamma arezzo coma parto
(Sasin Tipchai – Pixabay)

Sia la mamma che la bambina hanno subito notevoli e gravi lesioni fisiche. La bambina aveva bisogno di assistenza continua. Il personale medico e sanitario ha permesso alla bimba, con un parto cesareo d’urgenza di venire al mondo. Le condizioni di estremo pericolo hanno procurato danni severi anche alla bimba.

“Non so se la riconoscerà”, le parole emozionate del padre Gabriele

cristina coma arezzo bambina
(Pixabay)

Un parto cesareo che ha scongiurato la morte della bambina Caterina. Ma la piccola ha ancora bisogno di assistenza continua. Gabriele Succi, marito di Cristina, ha raccolto nel tempo grazie ad una raccolta fondi che gli ha permesso di curare la moglie in una clinica specializzata a Zirl, in Austria.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Improvviso malore mentre lavora: idraulico trovato morto

Ma dopo lunghi mesi di sofferenze e di agonie, la neomamma Cristina è uscita dal coma anche se con gravi danni permanenti. “Sia lei che la bambina hanno problemi neurologici e non sono autosufficienti.”, ha riferito il padre Gabriele come riporta Il fatto quotidiano. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Il padre architetto che ha ucciso moglie e figlia: “Spendevano troppo”

Cristina è ora pronta per vedere la bambina. Un “primo passo verso il totale reinserimento a casa, nel Comune di Monte San Savino” . La donna sta eseguendo diversi cicli di riabilitazione ma la famiglia si è detta pronta e disponibile ad organizzare per lei tutte le necessità sanitarie per il rientro a casa.

Gabriele Succi, in un’intervista commossa al Corriere della Sera, ha però espresso un dubbio: Non so se la riconoscerà, non so cosa succederà. Lei sorride a tutti ma non so se riconosce me ogni volta che la vedo. Quando le metto le canzoni di Gianna Nannini le ricorda a memoria”.