Lutto nel mondo del calcio: morto il presidente della Triestina Mario Biasin

Mario Biasin, presidente della Triestina Calcio, è deceduto all’età di 71 anni. Numerosi i messaggi di cordoglio per la famiglia.

Calcio italiano in lutto. La scorsa notte si è spento, all’età di 71 anni, Mario Biasin, costruttore immobiliare e presidente della Triestina Calcio. A dare il triste annuncio è stato il Melbourne Victory Football Club, società calcistica di cui Biasin era azionista da anni.

Calcio morto presidente Triestina Mario Biasin
Il presidente della Triestina Mario Biasin (Twitter – Melbourne Victory FC)

Alla notizia, rapidamente diffusasi, sono seguiti tanti messaggi di cordoglio e vicinanza alla famiglia del patron della Triestina da parte di tifosi ed appartenenti al mondo del calcio. Non si conoscono le cause del decesso.

Calcio in lutto, morto il presidente della Triestina Mario Biasin: aveva 71 anni

Siamo rattristati nell’apprendere la notizia della morte del direttore del club e azionista principale, Mario Biasin. Mancherà a tutti coloro che lo hanno conosciuto e il nostro pensiero va a sua moglie Glenda e a tutta la sua famiglia in questo terribile momento”. Con queste parole, in una nota diffusa poche ore fa, il Melbourne Victory Football Club, società calcistica australiana, ha dato la triste notizia della morte di Mario Biasin.

Il costruttore immobiliare e presidente della Triestina Calcio, nonché azionista del Melbourne Victory, è scomparso la scorsa notte, tra domenica 15 e lunedì 16 maggio, all’età di 71 anni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Calcio, morto giovane attaccante: circostanze del decesso ancora da chiarire

Poco più tardi anche la stessa Triestina ha diramato un comunicato confermando la morte del proprio numero uno e chiedendo massimo rispetto in questo momento di dolore. Il club ha poi espresso il proprio cordoglio alla famiglia di Biasin che lascia la moglie Glenda e quattro figli.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Malore nella notte: morto ex calciatore ed allenatore

Il costruttore immobiliare nato a Trieste, ma trasferitosi in Australia diversi anni fa, aveva acquistato il club alabardato nel 2016 all’asta dopo il secondo fallimento della sua storia. Ammessa in Serie D, dopo un anno la Triestina conquista la promozione in C e in più occasioni prende parte ai playoff per la serie cadetta. Anche quest’anno la squadra friulana ha partecipato ai playoff uscendo al primo turno contro il Palermo.