660 euro di multa salatissima, l’errore fatale costato a un automobilista. Cosa non fare mai alla guida

L’articolo 173 del Codice della Strada parla chiaro, non è possibile farlo in nessun caso mentre si è alla guida del veicolo.

Guidare sta diventando sempre più difficile. Non solo per il traffico che è in netto aumento nelle grandi città ma anche per le migliaia di disposizioni che anno dopo anno disciplinano il corretto spostarsi su strada, con regole e dettami molto rigidi a cui è impossibile sottrarsi.

Multa salata alla guida cellulare dettagli
Multa salata (Pixabay)

Dalle cinture, alla distanza di sicurezza, alla musica e le cuffiette. Nessuna distrazione per chi guida l’auto, compreso usare il cellulare che oggi resta ancora il principale strumento oggetto dei maggiori incidenti su quattro ruote in Italia.

Proprio per questo il Codice della Strada, nello specifico l’articolo 173, vieta di usarlo in ogni momento della guida, compreso anche un dei istanti “morti” in cui la stragrande percentuale di persone lo utilizza con maggiore disinvoltura.

Attenzione però, potreste incorrere in multe salatissime.

Multa salata per chi è alla guida dell’auto e usa il cellulare, anche quando…

Multa salata alla guida cellulare dettagli
Cellulare alla guida (Pixabay)

La Corte di Cassazione è stata severissime e mediante la senza ordinaria n.23331/2020 ha respinto in modo secco il ricorso di un automobilista multato al semaforo che stava usando il cellulare per rispondere ad una chiamata. Era fermo immobile ma la legge vieta di usare l’apparecchio in ogni momento in cui ci si trova al volante.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE –> Fisco, controlli rigidi da parte del Governo: attenzione alle automobili

Il motivo? Evitare incidenti e rallentamenti del traffico. Come anticipavamo, l’articolo 173 del C.d.S. prevede che chi usa il telefono in auto, sia durante al guida, che nel caso in cui è fermo al semaforo, rischia di dover pagare una multa che va da 165 euro fino a 661 euro.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE –>  Rita dalla Chiesa, la verità su Frizzi di cui la Mantovan non ha mai parlato: “era la sua grande passione”

Questo non basta però, perché a tutto questo si aggiunge anche una sanzione accessoria e la sospensione della patente di guida fino a 3 mesi.

Un colpaccio per molti automobilisti che attendono proprio l’agognato momento di stop del semaforo per telefonare, mandare un messaggio e guardare i social. La legge però è chiara e da questa non si scappa.

 

INTERVISTA RICCARDO FOGLI , IL VIDEO