Chiara Poggi chi era? Tutto sulla vittima del Giallo di Garlasco

Tutto ciò che c’è da sapere sul Giallo di Garlasco e in particolare sulla giovane vittima Chiara Poggi, uccisa 15 anni fa.

Impossibile dimenticare il caso relativo all’omicidio di Chiara Poggi avvenuto a Garlasco il 13 agosto del 2007.

Chiara Poggi ultime novità giallo
Chiara Poggi (foto dal web: Il Gazzettino)

Chiara aveva solamente 26 anni, era laureata in Economia e Commercio e all’epoca lavorava come impiegata.

La ragazza fu trovata morta nella sua villetta a Garlasco, paesino di 9.445 abitanti della provincia di Pavia, in Lombardia. La sua dimora si trovava precisamente in Via Giovanni Pascoli.

Chiara viveva insieme a suo padre Giuseppe Poggi e sua madre Rita Preda ma il giorno del delitto era sola in casa poiché i genitori erano in vacanza in montagna, insieme al fratello della vittima, Marco.

La ventiseienne conosceva il suo assassino poiché è stata proprio lei ad aprirgli alla porta dato che non sono stati riscontrati segni di effrazione. Non solo, tra i due doveva esserci una certa confidenza poiché quando Chiara ha aperto la porta indossava il pigiama.

E’ stata ritrovata in una valle di sangue, colpita da un oggetto contundente, probabilmente un martello.

A dare l’allarme il fidanzato Alberto Stasi, il primo ad essere sospettato del crimine.

Al telefono coi Carabinieri aveva comunicato: “Mi serve un’ambulanza in via Giovanni Pascoli 29 a Garlasco, è una via senza uscita la trova subito. Credo che abbiano ucciso una persona ma non son sicuro, forse è viva.. adesso sono andato dai Carabinieri, c’è sangue dappertutto e lei è sdraiata per terra”.  E alla domanda dell’operatore se la conoscesse, aveva risposto: “E’ la mia fidanzata”.

Alberto Stasi e il rapporto con Chiara Poggi

ultime giallo Garlasco
Chiara Poggi e Alberto Stasi (foto dal web: The Social Post)

In realtà non è mai stato riscontrato il movente per il quale Alberto Stasi avrebbe potuto uccidere la fidanzata.

E’ stato ritrovato del materiale pedopornografico sul suo pc e gli inquirenti hanno pensato che Chiara avesse potuto scoprirlo ma è stata una teoria mai confermata. Inoltre Alberto si è sempre dichiarato innocente, ha scontato i 16 anni di condanna e ancora oggi non ha confessato il delitto. Sul ragazzo, nonostante siano state trovate tracce di sangue avendo rinvenuto il corpo di Chiara, non è mai stato riscontrato del materiale ematico.

Tuttavia ci sono delle incongruenze: dalla bici nera da donna con la quale si è recato alla villetta dei Poggi tenuta nascosta agli inquirenti, alle impronte digitali sul dispenser del sapone, alle scarpe troppo pulite per aver camminato su un pavimento sporco di sangue.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE ——-> Incendio in un appartamento: disabile muore intrappolato tra le fiamme

Chiara all’epoca si era appena laureata e lavora come stagista in uno studio commerciale di Milano, era fidanzata da 4 anni con Alberto e aveva deciso di non partire insieme alla sua famiglia per non lasciare il ragazzo da solo nella calda estate di Garlasco.

Tutti coloro che hanno avuto modo di conoscere Chiara Poggi sin da bambina, la definiscono come una persona sorridente, solare e piena di vita. Molto legata alla sua famiglia e innamorata del suo Alberto.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE ——-> Rischio Listeria grave, il Ministero della Salute blocca dal mercato il noto formaggio tra i più amati

La tomba di Chiara Poggi si trova nella cappella del cimitero di Pieve Albignola, piccolo paese situato sulle sponde del Po tra Sannazzaro e Pavia.