“Chiuderà a breve” agitazione nel quartiere per la chiusura del grande supermercato

Grande supermercato è prossimo alla chiusura in un quartiere di una nota città. Sale l’agitazione tra i cittadini che vedono così calare la saracinesca di un punto vendita centrale.

Abitanti di una nota città in ansia per la chiusura di un punto vendita. Non solo perché si vedrà sfumare la possibilità di rifornirsi di prodotti in questo negozio centrale in uno dei quartieri cittadini, ma soprattutto per i dipendenti impegnati tra i suoi scaffali.

Supermercato: chiusura imminente
Supermercato (Foto di Kevin Phillips da Pixabay)

Una notizia che ha gettato tutti nell’ansia e non comporta la chiusura di un solo punto vendita: una nota azienda farà calare il sipario su ben quattro negozi sotto la sua insegna, tra i suoi otto sparsi per Roma e dintorni.

I marchi coinvolti fanno parte del gruppo Tuo, a cui fanno capo Tuodì, Fresco Market e InGrande.

Cittadini in ansia: chiusure di un marchio famoso in un noto quartiere

Supermercato: chiusura imminente
Supermercato (Foto di ElasticComputeFarm da Pixabay)

Una situazione che va avanti ormai da due anni in cui sono stati ceduti diversi punti vendita. Dopo tutto questo a seguito di una riunione tenutasi a metà maggio, il gruppo Tuo ha preso un’altra drastica decisione: un provvedimento che ha portato ad abbassare per sempre la saracinesca di altri punti vendita, nella preoccupazione totale sulle sorti del gruppo e dei suoi lavoratori.

TI POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > MD il prodotto miracoloso è in super offerta:”Fa bene alla salute” clienti impazziti – FOTO

Nel corso delle ultime settimane sono quattro i negozi chiusi, situati a Roma e nei dintorni, 12 i dipendenti licenziati, 49 in corso di procedura di licenziamento. La notizia ha fatto scattare l’allarme gettando i cittadini nell’ansia totale.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >“Brilli ogni giorno di più”. Elisabetta Gregoraci, i riflettori sono tutti per lei. Una principessa d’altri tempi: incantevole – FOTO

Gli altri punti vendita dell’insegna sono stati dati in affitto: i contratti tuttavia per i lavoratori sono al ribasso rispetto a quelli di Confcommercio prima utilizzati, mettendo in difficoltà i dipendenti, già in confusione per quanto accaduto. Non mancano le accuse da parte dei sindacati.

INTERVISTA MANILA NAZZARO, GUARDA IL VIDEO