Sequestano un uomo per la vincita al Gratta&Vinci ma nel caveau trovano l’oro

Una rapina non propriamente eseguita con il massimo della cautela. Perchè quando le cose vengono ostentate, è più facile destare sospetti. 

E’ accaduto tutto nel giro di poche ore quando una banda di malviventi hanno sequestrato un vincitore di Gratta&vinci. Il noto signore di Torre Pellice aveva vinto 5 milioni di euro con un gratta&vinci preso al tabaccaio. La sua vita improvvisamente aveva preso una piega diversa e aveva deciso di renderlo più noto del normale.

torino furto lingotti oro
(Pixabay)

Un cambio d’auto che ha fatto destare gli interessi dei ladri: da una Fiat Punto ad un SUV super accessoriato. Poi un cambio di abitazione: da un modesto appartamento ad una lussuosa villa con giardino. La banda dei tre ladri hanno atteso i proprietari della villa nel giardino. Una volta rientrati, i proprietari sono stati braccati da pistole e minacce verbali. Per i banditi, la ricerca del bottino è durata più di un’ora in cui i due trentenni malcapitati hanno dovuto subire un vero e proprio sequestro di persona.

La scoperta nel caveau è meglio di quella di una banca: ladri in fuga nella zona di Pinerolo

torino furto lingotti oro
(Pixabay)

Una volta chiusi i due residenti della villa in uno sgabuzzino, i ladri hanno cominciato a ricercare bottino utile all’intento di furto. Ma la ricerca li ha presto portati nel caveau privato della villa dove erano presenti lingotti d’oro e denaro contante.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Ruba una pistola ad una guardia giurata e spara a 4 ragazzi. Arrestato

La somma del bottino? 500 mila euro. Una cifra non indifferente che i ladri hanno valutato bene di prelevare per poi fuggire in velocità.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Perde il controllo della moto e si schianta: Matteo perde la vita a soli 22 anni

I due proprietari di casa, una volta che si sono liberati dal ripostiglio, avrebbero quindi dato l’allarme chiamando la polizia. Ora i carabinieri di Pinerolo indagano sulle tracce dei ladri, con posti di blocco nella zona tra Pinerolo e Torino. Come riporta La Stampa, a detta dei carabinieri si tratterebbe di persone di origine romeni, dotati di guanti e passamontagna. Dei veri esperti del furto che dovranno rispondere oltre che del furto anche di sequestro di persona.