Infermiere trovato morto in casa: a fare la tragica scoperta il figlio

Martedì mattina a Massanzago, in provincia di Padova, un infermiere di 52 anni è stato trovato morto nella sua abitazione dal figlio.

Sotto choc l’intera comunità di Massanzago, centro in provincia di Padova, per la morte improvvisa di un infermiere di 52 anni. L’uomo è stato trovato privo di vita all’interno della sua abitazione nella tarda mattinata di martedì scorso.

Massanzago infermiere trovato morto figlio
(ChiccoDodiFC – Adobe Stock)

A fare la terribile scoperta il figlio che giunto presso l’appartamento ha rinvenuto il corpo del genitore. A nulla sono serviti i tempestivi soccorsi, per l’infermiere non c’è stato più nulla da fare se non constatarne il decesso.

Massanzago, infermiere di 52 anni trovato morto nella sua abitazione: comunità in lutto

Forse un malore improvviso in casa che non gli avrebbe concesso neanche il tempo di chiedere aiuto. Sarebbe morto così Paolo Frasson, infermiere di 52 anni che prestava servizio presso il pronto soccorso dell’ospedale di Camposampiero (Padova).

Il dramma nella tarda mattinata di martedì scorso a Massanzago, dove Frasson abitava, in un appartamento sito in via Bigolo. Stando a quanto riportano i colleghi de Il Gazzettino, all’ora di pranzo il figlio Marco si sarebbe recato presso l’abitazione ritrovandosi difronte alla terribile scena: il corpo ormai senza vita del genitore.

Inutili tutti i tentativi di soccorso per l’infermiere di cui è stato constatato sul posto il decesso da parte dei colleghi del 118.

La notizia della morte improvvisa ha gettato nel dolore non solo i colleghi, ma anche tutta la comunità del paese nel padovano, dove Paolo era molto conosciuto. Tanti i messaggi di cordoglio per la famiglia del 52enne che lascia la moglie e due figli.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Auto si ribalta e finisce contro il guardrail: morto un 21enne, ferite le amiche

Al cordoglio si è unita anche l’Unità Locale Sociosanitaria della provincia di Padova che sulla propria pagina Facebook ha scritto: “I colleghi, increduli e sgomenti, ricordano il suo entusiasmo, la sua costante disponibilità e l’immancabile sorriso. Paolo era un uomo premuroso, umile, generoso e valoroso”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Donna muore nel suo appartamento: la figlia veglia il corpo per giorni

L’ultimo saluto, scrivono i colleghi de Il Gazzettino, domani mattina, sabato 11 giugno, presso la chiesa di San Pio X.