Cadavere nel parcheggio di un centro commerciale: era un Tik toker di 19 anni

Una giovanissima vita stroncata senza un motivo particolare. Il ragazzo di soli 19 anni è stato trovato morto in un parcheggio di un centro commerciale. 

Il giovane aveva solo 19 anni. Una vita passata tra ombre e difficoltà legate principalmente alla dipendenza dalle droghe. E’ accaduto a Los Angeles dove il teenager diciannovenne Cooper Noriega viveva. Una storia che viene dall’America e che porta con sè le difficoltà di una vita di dolore e sofferenza. Cooper Noriega è un noto influencer del social network Tik tok che aveva raggiunto più di 1,7 milione di persone.

influencer morto parcheggio USA
(Pixabay)

Poco prima di morire, il ragazzo avrebbe postato una frase inquietante: “Chi altro pensa che morirà giovane?”. Così come riporta Notizie.it, Cooper Noriega aveva postato un video ma la polizia negherebbe la correlazione tra la morte e la pubblicazione social. Il ragazzo è stato trovato privo di vita nel parcheggio di un centro commerciale poco fuori la città di Los Angeles. Gli inquirenti hanno trovato un corpo che presentava diversi segni di violenza e nelle vicinanze nessuna auto che lo avrebbe portato lì.

“Lotto con la dipendenza da quando avevo 9 anni”: le parole del noto influencer sui social

influencer morto parcheggio USA
(Pixabay)

Sul corpo del ragazzo la polizia ha disposto già l’autopsia e la sua morte risulta ancora un mistero. Lo scorso 5 giugno, il noto influencer a seguito dei suoi problemi legati a dipendenze da droga, aveva fondato un gruppo di sostegno legato alla cura della salute mentale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> “Scaldi come un diavolo” Melissa Satta esagera con la scollatura: è infinita – FOTO

Il ragazzo, sensibile ai temi della tossicodipendenza, scriveva sui suoi social: “Ho lottato con la dipendenza da quando avevo 9 anni, si potrebbe pensare che sia pazzesco, ma questa è la vita che mi è stata data. Vorrei usare la mia influenza per creare uno spazio basato sulla diffusione della consapevolezza e sulla normalizzazione del parlare di malattie mentali”. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Natalia Titova e Massimiliano Rosolino, annuncio senza precedenti: fan nel delirio

Il gruppo dal nome Discord, probabilmente serviva a creare sostegno ai ragazzi con dipendenze: “Una delle tante cose che ho imparato mentre lottavo con la dipendenza è che circondarti di persone negative ti farà solo cadere”.