Creme Solari, occhio a questa etichetta: se la vedi buttala via subito (è davvero importante)

Raccomandazione nella lettura dell’etichetta prima di acquistare una crema solare. Potrebbe provocare gravi danni alla pelle e non solo…

Le creme solari comunemente in commercio hanno un fattore di attivi sintetici ultravioletti che possono avere effetti negativi sulla pelle e sulla salute delle persone.

creme solari pericolose
creme solari (foto dal web)

Non solo, provocherebbero danni anche agli ecosistemi marini, eppure non è da escludere che questi fattori siano presenti anche nelle creme biologiche. Dunque, occhio all’etichetta: ecco per voi una guida esaustiva per non incorrere in pericolosi rischi.

Il sole emette delle radiazioni elettromagnetiche in tre aree di lunghezza d’onda ultravioletta, i cosiddetti raggi UV. Se esponiamo eccessivamente la pelle ai raggi UVB possiamo subire scottature mentre invece i raggi UVA penetrano in profondità nella pelle accelerandone l’invecchiamento.

Sia i raggi UVA che UVB possono causare danni al DNA e cancro alla pelle.

I filtri solari (SPF) proteggono dall’esposizione al sole, con un fattore che in Europa può arrivare fino a 50.

La raccomandazione degli esperti

creme solari pericolose
creme solari (foto dal web)

Per una protezione quotidiana appena sufficiente contro i raggi UVB, la nostra crema deve essere almeno 15.

Tuttavia, l’SPF viene calcolato in base al suo assorbimento dei raggi UVB (UVB-SPF) e quindi non indica il livello di protezione UVA fornito. Ma dovrebbe essere almeno un terzo dell’SPF dichiarato.

I filtri solari fisici sono innocui e offrono una protezione ad ampio spettro contro i raggi UVA e UVB, bloccando e riflettendo i raggi del sole. I filtri solari bio hanno delle nanoparticelle, che agevolano la distribuzione e la penetrazione del prodotto.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE ——–> Estate, come proteggere i capelli: il prodotto che vi serve si trova proprio nella vostra dispensa

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE ——–> Milly Carlucci a ruota libera sul figlio Patrick: “deve meritarsi lo stipendio”. Da non crederci!

Per essere sicuri dell’acquisto, bisogna consultare l’INCI della crema solare da noi prescelta. Sembrerebbero essere più sicure quelle a base di ossido di zinco o biossido di titanio sotto forma di micro-rivestimento. Meglio evitare, invece, gli spray contenenti biossido di titanio perché se inalato potrebbe essere pericoloso.