Monete rare, le 5 più costose al mondo: c’è anche il centesimo con la “Mole”. Che numeri!

Sapevate quali erano le 5 monete più costose al mondo? Nel novero dei numismatici c’è anche il nostro amato “centesimo”: ecco quanto vale.

Avete mai provato a chiedervi quali fossero gli oggetti più preziosi al mondo? Al giorno d’oggi, l’occhio cade inevitabilmente sugli esemplari in moneta, dal valore incredibile se sottoposti ad uno stato di verifica ben oculato.

monete 5 più costose centesimo
Monete preziose appetibili dai collezionisti (Instagram)

Abbiamo spesso affrontato argomenti legati agli oggetti dal valore prezioso e impareggiabile. Spesso l’attenzione è finita sulle monete del vecchio conio come la Lira o i più nostalgici, gettoni telefonici.

Nonostante il grande interessamento di coloro che sono in possesso di questi oggetti e inclini alla vendita o all’asta, questi esemplari non rientrano tra quelli che i numismatici ed esperti del mestiere considerano i 5 oggetti più costosi al mondo.

Nel settore blasonato della coniatura rientrano monete dal valore “europeo”, prodotte in Francia o in onore di personaggi più rappresentativi della storia

Monete rare, ecco quali sono le 5 più care di tutte: una scoperta dal valore stratosferico

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da 1centesimodime®️ (@1centesimodime)

Ti potrebbe interessare: Tonno e pesca sostenibile, l’allarme dell’ONU

Così gli esperti della numismatica hanno individuato dopo un’attenta e accurata analisi, quali sono le monete più rare e preziose al mondo.

In questo discorso c’entra molto l’aspetto economico, date le solite condizioni fisiche di un esemplare in moneta, che deve possedere, affinchè venisse apprezzato dagli acquirenti, determinate caratteristiche al fine di trarre il massimo vantaggio in termini di vendita.

L’argomento in questione si estende in tutta Europa, dalla Francia passando per l’Austria fino ad arrivare in Italia. Insomma il ‘capitolo’ monete rare ogni anno diventa sempre più globale.

Dalle analisi approfondite degli esperti il quinto e ultimo posto di questa speciale graduatoria al rialzo in termini economici lo occupa la moneta della “Fondation de la Forteresse di Monaco. Si tratta di uno degli Euro commemorativi, emessi nel lontano 2015 con più di 10.000 pezzi. Il suo valore si aggira sui 1.000 euro a singolo esemplare.

Al quarto posto troviamo la moneta coniata in onore della Principessa “Grace Kelly” di Monaco. Anno di coniatura, 2007 e valore attuale secondo la stima degli esperti che si aggira sui 1.800 euro a moneta.

Al terzo posto abbiamo l’esemplare in oro della “Consitution de la France“, emesso in grandi quantità all’epoca. Se mantenuto in buono stato, oggi le differenti coniature di questa moneta possono aggirarsi ad un prezzo che va dai 1.000 ai 5.000 euro al pezzo.

Il secondo e meritato posto va invece al nostro amato “Centesimo“, l’esemplare di piccolissime dimensioni, passato alla storia a causa di un “errore” che oggi potrebbe riempire inaspettatamente le vostre tasche.

Si tratta della raffigurazione sul retro della “Mole Antoniniana” di Torino, anzichè quella di “Castel del Monte“. Insomma una ‘distrazione’ che oggi va pagata a caro prezzo, a coloro che desidererebbero trarvi un vantaggio economico, pari a 6.600 euro per singolo esemplare!

Realizzate in “Oro” da 24 carati, la “Filarmonica di Vienna” occupa meritatamente il primo posto di questa speciale graduatoria. La specialità di questo esemplare sta nelle diverse facciate realizzate con valore che va dai 10 a 100 euro.

Ti potrebbe interessare: Biodiversità in Italia: come tutelarla con la rinaturazione

Nel 2004, tuttavia sono stati realizzati esemplari d’investimento, in moneta da 100.000 euro, oggi molto ricercati dai collezionisti.