Allevatore ucciso nel suo terreno: possibile svolta nelle indagini

La notte scorsa due persone sono state fermate dai carabinieri che stanno indagando sull’omicidio di un allevatore di 63 anni trovato morto a Gergei (Sud Sardegna).

Un allevatore di 63 anni è stato trovato privo di vita nel suo terreno a Gergei (Sud Sardegna). L’allarme era scattato nella serata di ieri e sarebbe stato lanciato dai familiari dell’uomo, preoccupati per il suo mancato rientro.

Sud Sardegna allevatore ucciso fermate due persone
(Manuel Scordo – Ansa)

Dai primi riscontri, l’allevatore sarebbe stato ucciso a bastonate, forse al culmine di una discussione. Nella notte i carabinieri, che si stanno occupando delle indagini, hanno fermato due persone, trasferite poi presso il carcere di Uta.

Sud Sardegna, allevatore di 63 anni massacrato e ucciso a bastonate: fermate due persone

Sud Sardegna allevatore ucciso fermate due persone
(ChiccoDodiFC – Adobe Stock)

Possibile svolta nell’omicidio di Massimo Deidda, l’allevatore di 63 anni trovato senza vita ieri sera, lunedì 20 giugno, a Gergei, piccolo centro di circa mille abitanti della provincia del Sud Sardegna.

La scorsa notte i carabinieri hanno individuato due persone poi accompagnate e sentite in caserma. Dopo l’interrogatorio, scrive la redazione dell’Ansa, è scattato il fermo per i due, accompagnati successivamente presso il carcere di Uta.

Il corpo senza vita dell’allevatore era stato trovato intorno alle 21 all’interno del suo terreno, sito in contrada Aureddus. Qui erano arrivati i carabinieri, il medico legale ed il pm di turno per gli accertamenti. Ad avvisare le forze dell’ordine sarebbero stati alcuni familiari che non vedendo rientrare il 63enne avrebbero lanciato subito l’allarme.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Martina Patti sorvegliata in carcere: l’avvocato della donna “Non è serena”

Gli investigatori hanno, dunque, dato il via alle indagini per ricostruire quanto accaduto nel dettaglio. Secondo quanto appurato fino ad ora, riportano i colleghi dell’Ansa, Deidda sarebbe stato aggredito e ucciso a bastonate, alcune delle quali sferrate alla testa. Non è escluso che l’efferato delitto possa essersi consumato dopo una lite.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Dramma familiare: tenta di uccidere la moglie, poi si toglie la vita

Le due persone fermate  pare avessero avuto in passato delle discussioni con l’allevatore per questioni di pascolo e vicinato. Non sono emersi ulteriori dettagli sulle indagini su cui gli inquirenti mantengono il più stretto riserbo.