Rita Dalla Chiesa senza mezzi termini contro Fedez e le parole terribili: “Dovrebbe chiedere scusa”

Rita Dalla Chiesa si scaglia contro Fedez. Quello che ha fatto è inammissibile e c’è da tornare indietro. Ecco cosa è successo

Dalla Chiesa - Fedez
Dalla Chiesa – Fedez (Instagram) YESLIFE.IT

Fedez, come Chiara Ferragni, è sempre sull’onda della critica e della polemica. Un po’ fa parte anche del loro “mestiere” di influencer e di personaggi super seguiti, raccogliere pareri negativi, ma non sempre tutto è fatto solo per parlare.

Questa volta la questione è piuttosto seria. Un caso che si è consumato in tribunale e che per il momento vede “vincitore” il rapper ma che la controparte non accetta e trova il sostegno di Rita Dalla Chiesa, nota giornalista, oggi candidata alle elezioni del 25 settembre tra le fila di Forza Italia.

Fedez e la canzone sotto accusa

“Infami e figli di cane”, così Fedez si riferiva ai carabinieri in una sua vecchia canzone, “Tu come li chiami” che lo scorso anno è stata portata in tribunale con una denuncia dall’associazione ‘Pro territorio e cittadini onlus’ per vilipendio delle forze armate dello Stato.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da FEDEZ (@fedez)

Il procedimento è giunto a conclusione e la Procura di Milano ha chiesto l’archiviazione in quanto le parole di Fedez rappresenterebbero solo una “critica aspra” con note di provocazione e ricerca di notorietà ma che non rientrano nel vilipendio.

L’associazione e Roberto Colasanti, firmatario della denuncia, hanno già fatto sapere che si opporranno trovando anche il sostegno di Rita Dalla Chiesa, che non è rimasta in silenzio e ha detto la sua.

Rita Dalla Chiesa a Fedez: “Si tratta di un linguaggio..”

Scende in campo Rita Dalla Chiesa, nel pieno della campagna elettorale, sulla vicenda che riguarda Fedez e le parole rivolte ai carabinieri. La conduttrice oggi scesa in politica non ha peli sulla lingua e spiega che i carabinieri non si toccano.

Rita Dalla Chiesa
Rita Dalla Chiesa (Instagram) YESLIFE.IT

Solo a sentire quei termini dice di sentirsi male. Ammette che un po’ fa parte della musica rap quel tipo di linguaggio però sottolinea:

“Si tratta di un linguaggio giovanile che possiamo accettare o meno, io non lo accetto ma io non sono giovane. Insomma non mi scandalizzo più di tanto”.

Poi sottolinea come le canzoni di Fedez a lei piacciono ma è pur vero che i ragazzi a volte dicono “cose terribili”. Ecco perché a suo parere il rapper dovrebbe chiedere scusa ai carabinieri puntualizzando che non era sua intenzione offenderli.

 

TOTTI E BLASI ANCORA SOTTO LO STESSO TETTO. IL SERVIZIO NEL TG DI YESLIFE. GUARDA VIDEO