Aurora Ramazzotti racconta il dolore più grande. Tutta “colpa” di Michelle: “mi ha fatto molto male” – VIDEO

Aurora Ramazzotti racconta il dolore più grande della sua vita: in una intervista inedita, la figlia di Eros e di Michelle ha raccontato quello che ha vissuto

Aurora Ramazzotti racconta il suo dolore più grande
Aurora Ramazzotti (instagram) yeslife.it

Aurora Ramazzotti è una delle donne più famose del momento. Non ha avuto un vero e proprio esordio, infatti essendo figlia d’arte, è conosciuta dalla nascita. I suoi genitori, Eros Ramazzotti e Michelle Hunziker, erano una coppia amatissima negli anni novanta. Purtroppo il loro matrimonio è terminato troppo presto e, di quell’amore, è rimasta proprio lei.

Aurora Ramazzotti: “Me lo porterò dietro per tutta la vita”

Così Aurora si è ritrovata a crescere davanti ai riflettori. Anno dopo anno, mentre si divideva tra un genitore e l’altro, veniva fotografata per strada e tutti puntualmente si ritrovavano a commentare il suo cambiamento fisico.

Aurora Ramazzotti racconta il suo dolore più grande
Aurora Ramazzotti (instagram) yeslife.it

Per molto tempo, Aurora è stata anche presa di mira per via del suo cognome ma sopratutto per il suo aspetto fisico. Essendo figlia di una madre così bella e così tanto giovanile, per anni è stata accusata di essere “più brutta di sua mamma”. Paragone che, purtroppo, l’ha fatta stare sempre molto male.

@amici_e_non_.._ A u r o r a s I r a c c o n t a ♥️ #tv #aurora #mum #pregnant #ram azzotti #perte ♬ M o o n l I g h t S o n a t a : A d a g I o S o s t e n u t o – B e e t h. o v e n

Aurora oggi è una donna e ha imparato a controllare questo aspetto della sua vita, anche perché ha capito che è qualcosa che si porterà dietro per sempre.

“Io gliel’ho dico sempre, da lei ho ereditato soltanto l’alluce valgo. Con il passare degli anni diventerà sempre di più un problema”

Aurora ha imparato ad ironizzare su questa vicenda che, per tanti anni, l’ha fatta davvero soffrire. E, soprattutto, ha imparato a credere di più in se stessa e ad acquisire una sicurezza che da adolescente, per via di tutte queste critiche, proprio non aveva.