Caso Diana, le condizioni della mamma Alessia Pifferi preoccupano i legali

Alessia Pifferi si trova in carcere in isolamento e le sue condizioni sono molto difficili: dopo la morte della bambina Diana, come si è evoluta la situazione? Gli ultimi aggiornamenti.

alessia pifferi mamma diana
Alessia Pifferi (Instagram) YESLIFE.IT

A quasi due mesi dalla morte della piccola Diana, la mamma Alessia Pifferi, accusata di aver abbandonato la bambina nella propria abitazione senza cibo per sei giorni, sta vivendo uno dei periodi più brutti della sua vita. Si trova in carcere in isolamento a San Vittore a Milano e le sue condizioni sono difficili, sia da un punto di vista psicologico che fisico.

Lo ha dichiarato lei stessa ai suoi avvocati e, nonostante sia stata dichiarata colpevole, in molti stanno dimostrando affetto e vicinanza alla donna tanto da regalarle profumi, libri, vestiti, biancheria e soldi da spendere in carcere.

Diana trovata morta in casa, l’accusa di Alessia Pifferi

Era il 21 luglio quando in televisione abbiamo appreso la notizia della morte di Diana, una bambina di un anno e mezzo trovata senza vita nella propria abitazione dove era stata abbandonata da sei giorni.

diana figlia morta
La bambina Diana (Instagram) YESLIFE.IT

Al momento del ritrovamento, la piccola aveva un biberon accanto. Dopo una serie di indagini, gli agenti di polizia sono risaliti al nome della mamma: Alessia Pifferi. La giovane avrebbe lasciato sua figlia per seguire il compagno che l’avrebbe convinta a mettere in primo piano la loro relazione anche a costo di vivere grandi sofferenze, sfociate poi con la morte della bambina.

L’isolamento in carcere e i tanti messaggi di affetto

Nonostante sia stata dichiarata colpevole, Alessia Pifferi sta ricevendo molti messaggi di vicinanza da parte di persone che stanno seguendo il caso.

alessia pifferi madre diana
Alessia Pifferi (Instagram) YESLIFE.IT

Una volta arrivata in carcere, l’accusata è stata messa in isolamento poiché la situazione potrebbe diventare difficile da gestire visto il reato commesso. Ma qualche giorno fa ha parlato Sara Ben Salha, finita per qualche giorno in cella dopo la faida dei trapper, ed ha spiegato

Non nega assolutamente le sue colpe, soffre molto. L’ho sentita piangere tutto il giorno, sdraiata in silenzio a guardare il soffitto. Non è un mostro ed è sola al mondo, la famiglia le ha voltato le spalle, il compagno è sparito, le altre detenute la odiano

Inoltre, qualche settimana fa i legali della Pifferi avevano fatto la richiesta di fare entrare in carcere Pietro Pietrini, professore di Biochimica clinica e Biologia molecolare clinica all’Università di Pisa, uno dei due docenti incaricati dalla difesa di stilare una consulenza psichiatrica.

La domanda però è stata respinta dal gip visto che, almeno per il momento, secondo quanto si legge negli atti dell’inchiesta, coordinata dai pm Francesco De Tommasi e Rosaria Stagnaro e condotta dalla Squadra mobile, nessuno elemento farebbe pensare a possibili patologie psicofisiche.

MICHELLE HUNZIKER, LE ULTIME NOVITÀ SULL’ADDIO A TRUSSARDI. IL VIDEO

 

@yeslifemagazine Michelle Hunziker e Tomaso Trussardi: ritorno di fiamma??? #michellehunziker #trussardi #gossip #love #news ♬ suono originale – yeslifemagazine