“Un brutto male” A 39 anni il grande campione deve vincere la sfida contro il cancro

L’ex campione olimpico norvegese di sci sta giocando la ‘partita’ più difficile della sua vita. L’aggiornamento sulle sue condizioni: ecco come sta.

ex campione brutto male cancro
Ex campione di sci olimpico sulle nevi (Instagram) YESLIFE

Lo sci olimpico è uno degli sport invernali di maggiore prestigio, considerato troppo spesso sotto banco rispetto agli altri. Eppure nel corso delle competizioni che si sono disputate negli anni a venire ha regalato emozioni senza fine.

Tra gli atleti più prestigiosi di questo sport è giusto citare il nome di un ex campione che dalla sua passione ha imparato tanto oltre a vincere e battere record in ogni dove.

L’ex campione olimpico, oggi ha toccato la soglia dei 39 anni e alle spalle ha scritto pagine di storia importanti, ottenendo medaglie e titoli iridati. Tra i medesimi ricordiamo due titoli olimpici e altrettante Coppe del Mondo, giusto per citarne alcuni.

Ora come ora, il campione di origini norvegesi si trova a combattere contro l’avversario più ostico, che in un primo momento sembrava gli avesse messo definitivamente le bastoni tra le ruote: il cancro

Ex campione alle prese con l’avversario più ostico dopo ‘mille battaglie’ dominate: di chi si tratta

E’ arrivato alla soglia dei 39 anni, eppure in patria lo vogliono ricordare come uno degli atleti più prolifici e strappa record. Insomma un vero e proprio vanto per gli amanti dello sport alpino.

ex campione brutto male cancro
Ex campione di sci alpino in bici (Instagram) YESLIFE

Il grande campione è un personaggio di origini norvegesi che ha fatto della sua passione, un vero e proprio lavoro, grazie al quale si è costruito una reputazione niente male.

Seppur lo sci invernale non rappresenta il pallino di molti appassionati, l’ultima ora sulla leggenda olimpica, campione delle “Discese Maschili” fa un certo effetto. Si tratta di una storia bellissima, di un personaggio abituato a battagliare e non fermarsi al primo ostacolo.

Oggi, la popolazione norvegese si è collegata sui social con l’intento di conoscere le reali condizioni di salute di Svindal, dopo che tempo fa, il 39 enne aveva annunciato a malincuore di soffrire di un problema di non poco conto e molto comune nei maschi, arrivati ad una certa età

Ex campione olimpico di sci a tu per tu con il ‘brutto male’: ecco come dovrà vincere la sua sfida più grande

Per il leggendario campione norvegese di nome, Svindal si tratta della partita più difficile della sua vita.

ex campione brutto male cancro
Alex Svindal (Instagram) YESLIFE

Le analogie sono molto comuni alla storia strappalacrime del campione della handbike, Alex Zanardi, altro valoroso eroe sportivo della nostra generazione.

La differenza con l’ex pilota però sta proprio nel ‘brutto male‘ che tempo fa colpì, non appena

“…iniziavo a sentire delle modifiche al mio corpo…”

Il 39 enne Svindal non ha perso tempo e si è catapultato dal medico per approfondire il problema. Per lui la diagnosi medica ha disposto un cancro ai testicoli.

Un brutto colpo per un campione di grande prestigio come accaduto a Zanardi o all’attuale coach Sinisa Mihajlovic. Come per i suoi colleghi dello sport, anche Alex Svindal, lo scorso dicembre, dopo aver appreso la triste notizia, decise di operarsi.

Dopo ben nove mesi dall’intervento, qualcuno tra i fan si domandava quali fossero le sue reali condizioni di salute, dato che il campione non aveva dato segnali di vita, dopo la scoperta del brutto male.

E invece con un lungo e spiazzante post, il campione norvegese ha voluto rassicurare tutti, raccontando per filo e per segno come erano andate realmente le cose

“dopo la prima settimana sapevo che la prognosi era molto buona”

Svindal, dall’alto dei suoi pregi non ha perso tempo nell’elogiare l’efficienza del sistema sanitario locale.

I fan del campione invece rilanciano e sono convinti che se ora come ora, il problema è sulla strada del dimenticatoio è merito soprattutto del coraggio e della forza interiore del professionista, che a quanto pare non ne vuol sapere di lasciarsi alle spalle, l’etichetta di campione fuori e dentro lo sport.

TROVATO IL CORPO DEL PICCOLO MATTIA