E’ morto Mario De Marchi, Pordenone piange l’ex campione di atletica leggera

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —–> Maltempo: Formia invasa da un fiume di fango. Paura tra i cittadini

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —–> Patente scaduta? Cosa fare per non incorrere rischi: attenzione a circolare

Un epilogo tragico per Mario De Marchi, sua moglie ed una terza persona coinvolta nell’impatto. Uno schianto ha messo la parola fine alla sua esistenza. Era un ingegnere molto conosciuto in paese, soprattutto per il suo passato da atleta. 

Aveva infatti gareggiato con Mennea e Borzov, mentre sfiorò per un soffio le Olimpiadi di Montréal nel 1976 in quanto a quel tempo il Belgio (non era italiano) optò per gareggiare con l’hockey su prato, ragion per cui sia Mario che i colleghi della staffetta 4×400 rimasero a casa con l’amaro in bocca.

Una tragedia che ha scosso tutti, un’ingiusta fine che nessuno aveva previsto, al momento sono ignote le cause dello scontro fatale.

Ecco come sono andati i fatti, Pordenone è sotto shock

Mario de Marchi atletica leggera
Mario De Marchi – Screenshot Il Gazzettino – YesLife.it

Non ce l’ha fatta a causa delle lesioni riportate, l’ex campione di atletica leggera, Mario De Marchi, morto a causa di un incidente. Purtroppo Mario è rimasto ferito in modo irreversibile, era un ingegnere ed ex velocista della nazionale belga di atletica leggera, aveva 73 anni. 

Il paese è sotto shock per l’accaduto, è spirato oggi pomeriggio dopo un ricovero d’urgenza al Pronto soccorso. Nell’impatto è rimasta ferita anche la moglie di 61 anni, anche lei ricoverata in condizioni disperate presentava un arresto cardiocircolatorio in atto ed attualmente è in Terapia intensiva che lotta tra la vita e la morte.

Nella tragedia è rimasta coinvolta una terza persona di 50 anni, ricoverata anche quest’ultima in codice rosso. Verso l’ora di pranzo in viale Treviso, tre veicoli si sono schiantati l’uno contro l’altro, al momento gli inquirenti stanno indagando sulle possibili cause. Due auto sono finite in un fossato mentre la terza ha preso fuoco. 

Una scena davvero raccapricciante dal momento che le fiamme hanno avvolto l’intero abitacolo e solo grazie all’intervento dei Vigili del Fuoco, l’incendio è stato domato.