Sofia e Francesco, drammatico epilogo: trovata l’auto distrutta

La 19enne Sofia Mancini e il 20enne Francesco D’Aversa sono stati trovati morti, la tragica scoperta dopo due giorni di ricerche. 

Sofia e Francesco trovati morti Verona
Sofia e Francesco – Screenshot web – YesLife.it

Una notizia agghiacciante, pochi minuti fa, Sofia Mancini e Francesco D’Aversa, sono stati trovati morti. Dei due giovani non si sapeva nulla da lunedì, erano scomparsi e la macchina operativa di ricerca era sulle sue tracce.

I ragazzi di 19 e 20 anni, viaggiavano in auto, il veicolo è stato rinvenuto questa mattina ed era completamente distrutto, accartocciato da un lato della strada statale 450, in direzione Affi. L’ipotesi è che i due ragazzi siano morti nello schianto ma si attende la conferma ufficiale da parte del medico legale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Ragazzo di 18 anni, travolto ed ucciso: dramma nella notte

Tragico epilogo, trovata l’auto distrutta: una disgrazia

Sofia e Francesco cadaveri
Ambulanza – Pixabay – YesLife.it

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Schianto frontale, muoiono madre e figlia: contromano sulla superstrada

Dei due ragazzi non si avevano notizie da lunedì, da mercoledì pomeriggio i vigili del fuoco erano impegnati nelle ricerche, il concentramento era in Via dell’artigianato a Calmasino.

Sofia e Francesco avevano trascorso la serata in discoteca, presso il locale “Amen”, sulle Torricelle di Verona per poi dirigersi in auto verso Peschiera, per accompagnare un coinquilino.

Successivamente avrebbe dovuto riportare la ragazza a casa, n località Gazzoli a Costermano, paese dove Sofia, 19 anni, abitava con la famiglia. Purtroppo i due non sono mai arrivati a destinazione. 

Da martedì mattina i loro cellulari si agganciavano sulle celle telefoniche tra Lazise e Calmasino, frazione di Bardolino, entrambi i dispositivi erano spenti e non localizzabili. I due giovani viaggiavano su una Fiat 500 bianco perla, targata 1AY4101. 

Francesco e Sofia morti verona
Cimitero – Pixabay – YesLife.it

La triste notizia questa mattina si è fatta largo tra familiari ed amici, finora le ricerche incessanti, compiute anche con i droni, non avevano avuto i risultati sperati. Al momento gli inquirenti stanno cercando di capire come mai nessuno abbia visto l’auto distrutta sul ciglio della strada e come mai la 500 si sia sfasciata in quello stato. Forse un colpo di sonno, una distrazione o la velocità sostenuta. 

FURTO IN CASA THEO HERNANDEZ: PRESENTI COMPAGNA E FIGLIO. IL SERVIZIO NEL TG DI YESLIFE.IT