Dorina Alla, massacrata dal compagno con 15 martellate: diverse le aggressioni fisiche prima dell’omicidio

Lei è la 16esima vittima uccisa nel 2021, barbaramente massacrata dal compagno dopo l’ennesima lite. L’uomo era già stato segnalato ai Carabinieri per precedenti percosse ai danni di Dorina.

Dorina Alla uccisa 18 aprile 2021
Dorina Alla (Foto @ecovicentino.it)- YESLIFE.IT

Lei si era già rivolta diverse volte allo sportello “Spazio Donna” impegnato nell’aiutare le persone sottoposte a violenza familiare.

Aveva anche già chiamato i Carabinieri in altre passate occasioni per sedare liti furibonde che erano scaturite in casa. Lei, Dorina Alla, 39 anni, voleva allontanarsi dal merito 51enne Gezim Alla ma questi non accettava la fine della loro relazione, per questo il 18 aprile 2021 l’ha attaccata per l’ennesima volta con il pretesto di farla ragionare sulla scelta che aveva preso.

La violenza con cui però si è scagliato su di lei è stata talmente forte che l’ha uccisa sul colpo. Inutile l’arrivo dei sanitari.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Deborah Saltori uccisa dal compagno con un’accetta: l’uomo era già stato denunciato per violenza domestica

Dorina Alla, nulla da fare per lei. Lascia due bambini piccoli

Carabinieri omicidio Dorina Alla
Carabinieri (Pinterest) – YESLIFE.IT

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Rossella Placati uccisa dal convivente dopo l’ennesima lite: venne trovata in casa con il cranio rotto

La coppia era albanese ma risiedeva a Pove del Grappa in provincia di Vicenza ormai da diversi anni. Il marito era operaio di una ditta di Mussolent.

La signora era ben voluta dalla comunità e dai vicini, troppo forte quindi lo shock quando si è saputo della sua morte per mano del marito.

Gezim infatti in quel 18 aprile l’ha colpita brutalmente con 12 martellate al capo e al torace, inutile l’intervento del 118 arrivato sul posto.

A chiamare una cugina vicina di casa la figlia maggiore di Dorina, la quale, chiusa in camera con il fratellino, aveva paura di quanto stava accadendo in cucina tra i genitori.

All’arrivo dei Carabinieri l’uomo si costituì volontariamente, interrogato nella vicina caserma di Bassano del Grappa ammise subito che l’aveva colpita perchè non accettava di perderla.

Fiori per Dorina Alla foto
Fiori per Dorina Alla (Facebook) – YESLIFE.IT

Nella scorsa primavera l’uomo è stato rinviato a giudizio davanti la Corte d’Assise di Vicenza. Su di lui pesa l’accusa di “omicidio volontario aggravato da premeditazione e dalla crudeltà e dall’aver commesso il fatto ai danni di persona alla quale era legato da una relazione affettiva”.

 

STRAGE IN PIAZZA, È UNA MATTANZA. IL VIDEO NEL TG DI YESLIFE