Ambiente Green Interventi estremi che potrebbero salvare le barriere coralline

Interventi estremi che potrebbero salvare le barriere coralline

-

- Advertisment -




Che le barriere coralline siano importanti lo sanno in tanti, come sono in tanti ad ignorare che circa il 50% di esse sono scomparse negli ultimi decenni, a causa delle temperature dell’oceano diventate via via più calde.

Il pianeta si è avviato in una fase di cambiamenti climatici repentini e catastrofici, che causano sovente danni immani a cose e persone. Molti scienziati sono giunti ad una conclusione che fa riflettere: andando avanti di questo passo, e senza un intervento immediato, le barriere coralline, habitat di oltre il 25% delle specie marine, rischiano di sparire completamente.

Un rapporto stilato dalle Accademie nazionali di scienze, ingegneria e medicina spiega dettagliatamente come intervenire, mettendo in essere oltre due dozzine di strategie, molte delle quali sperimentali, le quali potrebbero rendere i coralli più resistenti agli effetti dei cambiamenti climatici.

Delocalizzazione, manipolazione genetica, uso di antibiotici e di acqua salata nell’atmosfera per ombreggiare e rinfrescare le barriere coralline: eccone alcune contenute nel rapporto.




Però, il fulcro su cui ruota il rapporto è la protezione dallo sbiancamento dei coralli, ossia la perdita delle loro alghe che le porta a diventare bianche. Senza un intervento repentino, i coralli possono morire. Il più recente evento di sbiancamento, durato da giugno 2014 a maggio 2017, è stato il più lungo, il più diffuso e probabilmente il più dannoso mai registrato. Tra le barriere più colpite c’è stata la Great Barrier Reef in Australia, con la perdita del 29% dei coralli in acque poco profonde.

Gli scienziati stanno premendo affinché le emissioni di gas serra nell’aria vengano notevolmente ridotte, visto e considerato quanto sia grande la loro influenza negativa sul clima mondiale. Il gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici, principale consorzio delle Nazioni Unite che studiano i cambiamenti climatici causati dall’uomo, ha pubblicato un terribile rapporto che ha rivelato che le barriere potrebbero diminuire del 70-90% se il pianeta si riscalda di 1,5 gradi Celsius. Insomma, una situazione molto più grave di quanto si pensasse.




Latest news

Registrata in Antartide la temperatura più alta di sempre: 18,3 °C

Registrata in Antartide la temperatura più alta di sempre: 18,3 °C. La lettura, presa ad Esperanza sulla punta settentrionale...

Spagna, regione delle Asturie: decapitato l’ennesimo lupo

Come ultimo attacco barbarico contro una specie che è costantemente a rischio in Spagna, i bracconieri nella regione settentrionale...

Giappone, il governo vuol scaricare nell’Oceano l’acqua contaminata di Fukushima?

Nel mese di marzo 2011 ci fu un terribile terremoto e un devastante tsunami che sconvolse il nord del...

Diversi koala uccisi e feriti dopo il disboscamento di alberi d’eucalipto

Residenti e politici australiani hanno chiesto un'indagine immediata su quello che è stato etichettato come il "massacro di koala"...
- Advertisement -

Le popolazioni di asini stanno diminuendo drasticamente in tutto il mondo

A serio rischio estinzione le popolazioni di asini in tutto il mondo. Il massacro nei loro confronti continua, con...

La bellissima Falena di Luna che vive soltanto per pochi giorni

Nel corso della storia, le farfalle sono state spesso associate a simboli di rinascita, rigenerazione e rinnovamento, e persino...

Must read

Registrata in Antartide la temperatura più alta di sempre: 18,3 °C

Registrata in Antartide la temperatura più alta di sempre:...

Spagna, regione delle Asturie: decapitato l’ennesimo lupo

Come ultimo attacco barbarico contro una specie che è...
- Advertisement -

You might also likeRELATED
Recommended to you