Jigokudani Monkey Park
Jigokudani Monkey Park

Ogni giorno, i macachi giapponesi nel Jigokudani Monkey Park fanno un tuffo rilassante nella loro vasca idromassaggio privata. Questa sorgente di acqua calda naturale (onsen) si trova nel Joshinetsu Kogen National Park ed è famosa in tutto il mondo. Certo, la vita per le scimmie della neve di Jigokudani (La valle dell’inferno) non è così semplice come sembra. Negli anni ’50 vennero forzatamente private del loro habitat naturale per far posto alle nuove stazioni sciistiche.

Furono trasferite nelle città vicine e crearono subito dei problemi poiché iniziarono a razziare tutti i frutteti degli agricoltori locali. I contadini presentarono una petizione al governo, il quale concesse l’autorizzazione a cacciare i macachi.

Sogo Hara, dipendente della Nagano Railway Company e appassionato di natura, lavorò mesi per convincere le truppe a lasciare in pace le scimmie. La strategia da lui pensata fu di attirarle sulle montagne con le mele.

Il gruppo capeggiato da Sago scoprì presto un ryokan vicino (una locanda tradizionale giapponese). La proprietà di Korakukan includeva un onsen all’aperto per il divertimento degli ospiti. Secondo una storia locale, un giorno del 1963 una mela cadde nell’onsen. Per recuperarla, una giovane scimmia si immerse nell’acqua bollente. Anche dopo aver recuperato il frutto, non uscì immediatamente: rimase a lungo in acqua, mentre le altre scimmie lo guardavano godersi il calore che emanava. Non passò molto tempo prima che tutte iniziassero ad imitarne il comportamento.

In pochi mesi, tutte le scimmie femmine iniziarono a fare il bagno nelle sorgenti calde. Se, da un lato, questo comportamento deliziava i visitatori umani, dall’altro creò un chiaro problema di igiene alla locanda. Ecco che, nel 1964, intervenne la fondazione Jigokudani Monkey Park grazie all’impegno di Hara. Oggi le scimmie delle nevi vivono qui e si immergono liberamente nelle loro sorgenti termali.