Milano e il metodo infallibile per battere l’evasione fiscale

Il metodo infallibile contro l’evasione fiscale: Milano prima città in Italia per pagamenti digitali: addio contanti, si si usano app e assistenti virtuali

Covid-19 WhatsApp fake news
(Getty Images)

Il metodo infallibile contro l’evasione fiscale, una vera piaga per i conti pubblici italiani. Ricchezza non registrata, sottratta al Pil e che pesa sui parametri da rispettare ai fini del rispetto del principio di stabilità in sede di redazione del bilancio. Oltre a questo fattore, c’è poi la quantità di danaro perso in termini di risorse per la spesa pubblica. Eliminare l’evasione fiscale permetterebbe di abbassare le tasse. La pressione in Italia è tra le più forti al mondo. Solo la Svezia in Europa ha una pressione fiscale maggiore, ma i servizi sono molto soddisfacenti per la popolazione.

Leggi anche > Il Covid ha cambiato il commercio

Il metodo infallibile: l’addio ai contanti

DECRETO RILANCIO
Soldi in mano (foto Pixabay)

Milano sembra involontariamente aver trovato il sistema per eliminare l’evasione. La città lombarda è la prima in Italia per pagamenti con carte. Milano infatti è la prima città in Italia per pagamenti digitali. Ciò permette di eliminare i contanti, la cui eliminazione definitiva non darebbe scampo agli evasori. Pagare con carta significa lasciare traccia dei pagamenti e questo provocherebbe un aumento del gettito fiscale enorme per le casse dello Stato, tali da poter abbassare le tasse in maniera anche considerevole. La ricchezza nascosta ammonterebbe a circa 100 miliardi annui, un qualcosa di incredibile. Milano è al primo posto nella classifica italiana «Metropolitan Cities Cashless 2020» con un valore 7,36 seguita da Bologna a 5,68. Molto simili i dati ai livelli regionali con la Lombardia a 7,38 con Toscana ed Emilia-Romagna alle spalle.

Leggi anche > Giugno, buone notizie per gli italiani

Euro soldi
(Getty Images)

Il pagamento con carta potrebbe con il tempo diventare la regola, anche in Europa ci stanno pensando. Del resto, in questo periodo in cui si ragiona con il recovery found, in Europa si pensa anche al modo per migliorare i conti pubblici di alcuni Stati come l’Italia.