Caso Onofri: il piccolo di diciotto mesi sequestrato ed ucciso

Si chiamava Tommaso Onofri il bimbo di diciotto mesi sequestrato ed ucciso a Casalbaroncolo, alle porte di Parma

onofri
(Photo by Emanuele Cremaschi/Getty Images)

Quello di Tommy è un caso che ha tenuto in sospeso tutti gli italiani scuotendone nel profondo la sensibilità. E’ il 2 marzo del 2006 e l’intera famiglia Onofri si trova in casa, quando un blackout improvviso rivela l’intrusione di due figure con il volto coperto.

Tutta la famiglia Onofri, marito moglie e figlio, ad eccezione di Tommy, viene immobilizzata in cucina; il più piccolo, invece, viene strappato dalla sua abitazione e portato via. La madre, che riesce a liberarsi, avverte la polizia. Scattano immediatamente le indagini che vedranno anche Paolo Onofri, padre del bambino, nel registro degli indagati.

Ad alimentare i sospetti, il ritrovamento di un computer appartenente all’Onofri con materiale pedopornografico; ma la vicenda conoscerà presto ben altri e contorti sviluppi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> CASO WILLY, LE ULTIME TESTIMONIANZE POTREBBERO RIBALTARE LE IPOTESI

Tommaso Onofri: la tragica scoperta sui sequestratori

C’è ancora speranza per il ritrovamento di Tommy quando una sensitiva fornisce delle indicazioni sul luogo, vicino  al fiume Magra; a suo dire  è lì che si troverebbe il corpo senza vita del bambino. Le ricerche dei sommozzatori, però, non portano a nulla e le dichiarazione rese dalla medium, Maria Rita Busi, si riveleranno false.

Poi la svolta. Le impronte ritrovate sul nastro adesivo, utilizzato per immobilizzare la famiglia Onofri, conducono ad un pregiudicato, Mario Alessi. Si tratta di un muratore che, tempo prima, aveva effettuato dei lavori di ristrutturazione presso la famiglia. Dichiaratosi inizialmente innocente e, anzi, preoccupato per le sorti del bambino, l’Alessi confesserà l’omicidio, avvenuto poco dopo il rapimento perché Tommy era scoppiato in lacrime.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

#giallo #settimanalegiallo #giallosettimanale #cairoeditore #edicola #delitti #misteri #giustizia #marcovannini #tommyonofri

Un post condiviso da Settimanale Giallo (@giallosettimanale) in data:

I complici del sequestro, cui sarebbe dovuta seguire richiesta di riscatto, saranno rivelati dallo stesso Alessi. Si tratterebbe della sua compagna, Antonella Conserva, e di Salvatore Raimondi, un altro pregiudicato. Il corpo di Tommy sarà rinvenuto sulle rive del torrente Enza. La sentenza definitiva sancirà l’ergastolo per Mario Alessi, 30 anni per Antonella Conserva e 20 anni per Salvatore Raimondi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> DANIELE POTENZONI: ANCORA UN NULLA DI FATTO NELLE RICERCHE