Lucia Annibali: denunciato l’uomo che l’ha offesa con un post

Identificato e denunciato l’uomo che, con un post su Facebook, aveva insultato la deputata Annibali

annibali
Lucia Annibali (Getty Images)

E’ un cinquantatreenne romano l’uomo che con un post su Facebook ha inneggiato il gesto di Luca Varani: l’avvocato ex fidanzato della Annibali accusato di averla sfigurata con l’acido.

Il post, che risale a febbraio, è stato scritto sotto il nome di un falso profilo ma, il suo reale autore, è stato identificato dalla Polizia postale e finalmente denunciato per istigazione alla violenza.

L’uomo ha esaltato il gesto di Luca Varani facendolo passare come necessario rispetto ad una “misera infame”; un messaggio che ha fatto da contorno ad una serie di attacchi sui social contro la Annibali, in seguito alla proposta di un emendamento sul decreto “Milleproroghe”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>  INCUBO SUL LAVORO PER UNA DONNA: “IO SONO IL PADRONE” | UN ARRESTO PER STALKING

Denunciato l’uomo che ha esaltato l’azione di Luca Varani ai danni della deputata Annibali

annibali
Lucia Annibali (Getty Images)

L’uomo, un cinquantatreenne romano, è stato identificato grazie alle indagini condotte dalla Polizia postale; pur avendo pubblicato un messaggio sotto falso profilo è stato scoperto e, quindi, denunciato. Lo stesso uomo avrebbe confermato la sua reale identità rispetto a quella fittizia e ammesso di aver scritto quei messaggi canzonatori.

Il volto della deputata di Italia Viva è stato sfigurato dall’acido solforico, nel 2013, per mano di due uomini inviati dall’ex fidanzato della donna: Luca Varani. Un evento tragico e crudele costato alla Annibali ben 17 interventi chirurgici, anche a causa di difficoltà respiratorie e alla vista insorte in seguito.

Gepostet von Lucia Annibali am Montag, 14. September 2020

Luca Varani si sarebbe vendicato per una storia, ormai chiusa da due anni, e per la quale non si sarebbe mai rassegnato, perseguitando la Annibali in ogni modo. Nel 2016, è stato condannato, in via definitiva, a 20 anni di carcere, per tentato omicidio e stalking; i due esecutori, invece, sono stati condannati a 12 anni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> PEDOFILIA IN SEI PROVINCE: LA SCOPERTA PARTE DALLA DENUNCIA DI UNA MAMMA

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter