Brutale femminicidio: scuoiata e sventrata dal “fidanzato”

Messicani sono sconvolti per il l brutale femminicidio di una giovane donna pugnalata a morte dal suo partner. Ingrid Escamilla aveva 25 anni

Scena del crimine
(Getty Images)

Sdegno, rabbia, dolore, i messicani sono sconvolti per il l brutale omicidio di una giovane donna pugnalata a morte dal suo partner. Ingrid Escamilla, 25 anni, è stata uccisa dall’uomo con cui viveva. Costui l’ha anche mutilata e scuoiata, cercando di cancellare le prove. L’uomo è stato arrestato dopo che l’ex moglie ha allertato la polizia. I femminicidi sono in aumento in Messico con oltre 700 casi attualmente in fase di indagine. Gli attivisti affermano che il numero di donne uccise perché donne, è molto più elevato. Sono anche critici del fatto che la stragrande maggioranza dei casi non viene mai risolta e solo una piccola percentuale di autori viene assicurata alla giustizia. La notizia dell’omicidio della signora Escamilla è arrivata appena un giorno dopo che il presidente Andrés Manuel López Obrador ha affermato che la questione dei femminicidi “era stata manipolata” dai media critici della sua amministrazione. Stava rispondendo alle domande dei giornalisti sui piani del procuratore generale Alejandro Gertz per cambiare il modo in cui i femminicidi sono classificati. Secondo dati ufficiali, 3.142 donne sono state uccise in Messico nei primi 10 mesi del 2019. Di questi, 726 casi sono stati trattati come femminicidi, secondo alcuni attivisti per i diritti delle donne che sono troppo bassi.

Brutale femminicidio, la situazione in Messico

I richiedenti asilo centroamericani inviati in Messico dagli Stati Uniti in attesa delle loro udienze diventano sempre più vittime di rapimenti e altri tipi di violenza. Lo ha dichiarato Medici senza frontiere in un rapporto pubblicato martedì. Nel tentativo di ridurre le richieste di asilo, l’amministrazione del presidente Donald Trump ha lanciato un’iniziativa nel gennaio 2019 che ha costretto oltre 57.000 migranti non messicani ad aspettare in Messico le loro udienze in tribunale per l’immigrazione negli Stati Uniti, nell’ambito di un programma noto come Protocolli di protezione dei migranti (MPP). MSF ha dichiarato che a settembre 2019, quasi il 44% dei suoi pazienti inviati nella città di confine messicana di Nuevo Laredo nell’ambito del programma MPP era stato rapito e un altro 12% era stato vittima di tentativi di rapimento. A ottobre, la percentuale di tali rapimenti è salita al 75%.

Polizia
Polizia (foto dal web)

Leggi anche > Cercano funghi e trovano un morto