Coronavirus, farmacie e parafarmacie prese d’assalto dai clienti

Una vera è propria psicosi quella determinata dall’arrivo del nuovo coronavirus in Italia: code chilometriche nelle farmacie, scaffali dei supermercati vuoti e mascherine in costante esaurimento.

Coronavirus
(Getty Images)

Code in farmacia, supermercati svaligiati, impossibile trovare disinfettanti e mascherine: questo il frutto della psicosi da nuovo coronavirus sulla gente. Una paura ed un’ansia dettate dall’esplosione di casi che si sono verificati in Italia degli ultimi giorni. Impossibile, dunque, rinvenire prodotti che di norma sono molto comuni.

Leggi anche —> Coronavirus, aggiornamenti: le testimonianze da Codogno

Coronavirus, supermercati e farmacie prese d’assalto

Non c’è modo di reperire disinfettanti e mascherine e fare la spesa è un’impresa. Questo il quadro generale a seguito del boom di casi di contagio da nuovo coronavirus in Italia. I prodotti che notoriamente vengono utilizzati solo dai più maniacali, oggi sono diventati introvabili. Stando a quanto riportato dal Corriere Adriatico, una dipendente di una nota catena di articoli per la casa ha affermato: “Le mascherine sono terminate da almeno dieci giorni e non sappiamo quando torneranno“. I distributori di disinfettanti ed articoli analoghi sono subissati dalle richieste: la domanda è nettamente maggiore dell’offerta. Quando i punti vendita ricevono del materiale dedicato all’automedicazione, si creano code e calche indescrivibili. Per non parlare di un rinomato igienizzante che pare non sia presente neanche più nei depositi. Una corsa alla scorta che ha fatto letteralmente saltare la catena produttiva.

I clienti contattano i negozi vengono anche telefonicamente, perché ci sono persone che non accettano il rischio di uscire di casa a vuoto. Se i prodotti ci sono allora parte la corsa e l’assalto. Una farmacista, riporta Il Corriere Adriatico, ha affermato che ai loro clienti distribuiscono anche volantini informativi con tutte le linee guida del caso. Lavarsi le mani è la prescrizione in cima alla lista. Proprio nelle farmacie è boom di mascherine: numerose scatole con una gran quantità di pezzi vengono vendute alla velocità della luce, o forse anche meno.

Una dipendente di una parafarmacia, riporta la redazione de Il Corriere Adriatico, ha affermato che in una mattinata non ve ne era più neanche una. Stessa testimonianza da un altro punto vendita: “Abbiamo terminato tutto è stato un continuo di richieste. Avevamo anche le mascherine, ma le abbiamo finite nelle settimane scorse. Non sappiamo quando torneranno“. La domanda dei consumatori è sempre la stessa:  “Quando saranno disponibili nuovamente igienizzanti e mascherine?

Leggi anche —> Coronavirus, quinta vittima in Italia: cresce il numero dei contagi

Coronavirus
(Getty Images)