Coronavirus, corsa alle mascherine ma non tutte sono utili: scopriamo quali

Coronavirus Italia epidemia Wuhan Cina
Coronavirus Italia

La corsa alle mascherine è partita da tempo, un pò in tutto il paese. Tuttavia, non tutte sono utili, soprattutto quelle da chirurgo

La corsa alle mascherine è uno dei rimedi che si cerca di avere per evitare il contagio da coronavirus. Le vendite hanno subito un aumento specialmente nell’ultimo periodo. Tanti e diversi i motivi dell’acquisto. Alcuni non sono strettamente legati alla paura del Coronavirus. Ci sono anche genitori che vogliono limitare il rischio di contagio dell’influenza stagionale con i figli. Alcuni farmacisti sottolineano anche che in inverno la vendita di questo prodotto è più alta. Gli sciatori usano questo tipo di protezione quando si occupano della manutenzione degli sci. Quest’anno tuttavia le vendite sono insolitamente alte e quasi tutte farmacie contattate segnalano l’impossibilità di ricevere nuove mascherine in tempi brevi. Le aziende fornitrici  hanno difficoltà a reperire gli articoli.

Corsa alle mascherine, la FFP3 la più adatta

Per una maggiore sicurezza e tranquillità si possono adottare misure preventive del contagio indossando, qualora si ritenga necessario, una mascherina facciale filtrante per polveri minimo di tipo FFP2 oppure FFP3, che garantisce la massima protezione possibile e che deve possedere obbligatoriamente una valvola, la quale facilita la respirazione ed evita la condensa interna. Tali mascherine devono coprire il naso, la bocca e il mento e aderire al volto. Sono dotate di doppio elastico, stringinaso con guarnizione di tenuta. Queste mascherine, al contrario di quelle chirurgiche, aderiscono al viso, senza lasciare aperture ai lati, e filtrano il 95% di particelle di dimensioni pari a 0,3 micrometri o più grandi. I coronavirus, però, hanno una dimensione media di circa 0,1 micrometri, il che significa che potrebbero attraversarle lo stesso. Inoltre, barbe e capelli possono impedire alle mascherine di adattarsi bene al volto. Così come può accadere con i bambini. Invece, le persone con difficoltà respiratorie potrebbero avere dei problemi a tollerare queste maschere. Solo le persone infettate o che pensano di esserlo e quelle a stretto contatto con loro devono indossare le mascherine protettive. E l’obiettivo è quello di proteggere gli altri dal contagio. Per farlo bene, occorre indossare correttamente la mascherina. La parte colorata, verde o blu, all’esterno e quella bianca all’interno.

Coronavirus Italia numero contagi Lombardia Veneto Piemonte
Coronavirus Italia (foto dal web)

Leggi anche > Coronavirus, le risposte alle domande frequenti