Michael Jackson, dettagli inquietanti dall’autopsia | Dubbi sulla sua morte

A più di dieci anni di distanza è ancora avvolta nel mistero la morte del cantante Michael Jackson, ora però nuovi particolari emergono dalla sua autopsia

Michael Jackson morte autopsia
Michael Jackson

Il 25 giugno 2009 giunse la notizia della morte di Michael Jackson. Oltre dieci anni dopo spuntano alcuni dettagli inediti dalla sua autopsia. Si tratta di particolari sul reale aspetto fisico del re del pop al momento del suo decesso. Il cantante scomparve nella sua villa in California. Il lungo processo a Conrad Murray, suo medico personale, si concluse con la sua condanna per omicidio. L’uomo venne riconosciuto colpevole, vale a dire come la persona ad aver iniettato il Propofol, cioè il medicinale la cui dose risultò letale.

Ma questa ricostruzione ufficiale all’interno della sentenza coincide con quanto realmente accaduto? Michael faceva infatti utilizzo di sedativi e antidolorifici perché soffriva di insonnia e dolori cronici per via dei molti interventi chirurgici subiti. Ufficialmente fu dunque il medico a compiere l’errore che risultò fatale all’artista statunitense. Ora però l’autopsia svela di più sulle condizioni fisiche del cantante. Degli aspetti finora rimasti sconosciuti al grande pubblico ed ai moltissimi suoi ammiratori in tutto il mondo.

LEGGI ANCHE —> Ylenia Carrisi morte | le cose che nessuno ha mai detto di lei

Michael Jackson, spuntano particolari raccapriccianti dell’autopsia eseguita dopo la sua morte

Tantissimi segni di punture ricoprivano le spalle, i fianchi e le cosce di Michael. Tutto questo,non fa che evidenziare il suo abusi di iniezioni di antidolorifici. Il suo organismo era eccessivamente magro, come a confermare le indiscrezioni che parlavano di un suo disturbo alimentare, probabilmente di anoressia. Inoltre nel suo corpo erano presenti ecchimosi sulle gambe, sugli stinchi ed una ferita sulla schiena, forse per alcune cadute precedenti.

Sul suo volto invece vi erano dettagli particolari, come tatuaggi su labbra, sopracciglia e cuoio capelluto. Quest’ultimo è stato probabilmente realizzato per nascondere una parte erano caduti i suoi capelli per via di una bruciatura nel corso di un concerto. Infine sembra che sua stato confermato che Michael fosse affetto da una malattia. Si tratterebbe della vitiligine in quanto sul suo corpo erano presenti macchie più scure e più chiare. Questi dettagli, pur apparendo in un certo senso inquietanti, aiutano a far capire maggiormente sugli ultimi anni di vita di una delle star più amata e contestata di tutti i tempi.

Michael Jackson morte autopsia
Michael Jackson

LEGGI ANCHE —> Dopo la morte si continua a “vivere” per un anno: la scoperta di Alyson Wilson